Cybersecurity

60 milioni di varianti di malware ogni anno: tu sei protetto?

11 Marzo 2016

Il malware ha raggiunto livelli talmente elevati (oltre 60 milioni di esemplari specifici all'anno) che tentare di proteggere un endpoint mediante software antivirus tradizionale è diventato ormai inutile.
Ogni giorno vengono rilasciate più di 100.000 nuove tipologie di malware, e i produttori di antivirus sono costantemente occupati ad aggiungere nuove funzioni di protezione per cercare di non perdere la sfida.
Ma tutte queste funzioni in più consumano ancora più risorse di CPU e di RAM, fatto che riduce le performance e l'usabilità portandole a livelli ancora meno accettabili.

La valanga di nuovi malware costringe inoltre i produttori di antivirus ad aggiornare continuamente i propri file contenenti le firme dei file pericolosi, tanto che ormai è comune assistere ad aggiornamenti quotidiani di svariati megabyte.
Il problema di base è che, nonostante tutti questi "progressi", non tutto il nuovo malware riesce a essere intercettato – con la conseguenza che i computer finiscono con l'infettarsi.
In poche parole, la protezione mediante tecniche tradizionali di rilevamento del malware non è più adeguata.

Esistono tante infezioni diffuse dai cybercriminali che nessuno è più immune dal rischio. Una recente ricerca condotta da Webroot su base globale ha scoperto che l'83% delle aziende è stato infettato da una qualche forma di malware negli ultimi 12 mesi, e altre ricerche indipendenti mostrano livelli di infezione simili se non superiori.
Occorre un nuovo approccio alla protezione, scopri come proteggerti grazie all’intelligenza condivisa nel cloud!


Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.