DDOS e IOT: un attacco da parte delle cose
Radio Achab

Dalla rubrica SpuntIT
con i protagonisti dell'IT

DDOS e IOT: un attacco da parte delle cose

00:00/26:39
Condividi sui Social Networks

Episodio settantanove di RadioAchab, per la rubrica SpuntIT.

Un provider francese ha subito un attacco DDOS da dispositivi IoT.
Ossia non computer ma “cose” collegate a Internet, quali webcam, frigoriferi e simili.
Tali dispositivi sono riusciti a sviluppare un traffico di un terabit.

Luca Mairani, esperto di sicurezza, ci illustra le caratteristiche dell’attacco DDOS in generale e perché è particolarmente preoccupante perché venga dalle “cose” dell’Internet delle cose.
Infine indica le misure minime di sicurezza - e sensatezza - da adottare per evitare che i nostri dispositivi possano essere hackerati.

Troppo spesso si dimentica che laddove ci siano un processore e della capacità di banda, si annida un rischio potenziale e quindi sia necessario prendere delle contromisure.
Cioè il fatto che un dispositivo non assomigli a un computer, ad esempio un frigorifero intelligente, non vuol dire che non sia di fatto un computer.
E come tale deve essere trattato.

Per contattare Luca: mairani punto luca at gmail punto com
Anche su Twitter.
Segui le pillole di sicurezza di Luca sul canale di Youtube di Clusit.