Viviamo in un periodo storico di forte sviluppo tecnologico: strumenti, software e device si evolvono alla velocità della luce e permettono alle aziende di aumentare efficienza ed efficacia di gran parte delle operazioni svolte quotidianamente.

Ma c'è un problema.

Se è vero che il progresso che stiamo vivendo porta numerosi e chiari benefici, è anche vero che i cyber criminali non se ne stanno con le mani in mano: le cyber minacce crescono costantemente in numero e varietà, evolvendosi di giorno in giorno e rendendo sempre più difficile il tuo lavoro e quello di chi si occupa di proteggere macchine e sistemi IT.

L'ultimo report realizzato da Webroot fa un po' di luce sullo stato dell'arte delle minacce informatiche e può aiutarti a capire che direzione prendere per rendere più sicuri gli ambienti di lavoro dei tuoi clienti.

Vediamo insieme qualche interessante numero.
 

Come fanno gli hacker a ingannare gli utenti?


L'evoluzione degli attacchi informatici non passa solo da un aumento numerico, ma anche "qualitativo": le minacce diventano sempre più difficili da smascherare e spesso sono in grado di ingannare anche gli utenti più navigati. Pensa solo che:
  • quasi un quarto dei link dannosi sono ospitati su domini sicuri;
  • 1 link su 50 è risultato malevolo;
  • quasi un terzo delle pagine phishing rilevate (29%) utilizza il protocollo HTTPS.


La piaga del phishing


Che il phishing sia in rapida espansione è sotto gli occhi di tutti. Ma proviamo a tradurre questa sensazione in numeri.

Prova a indovinare di quanto è cresciuto il phishing da gennaio a luglio 2019

Hai pensato a un numero? Probabilmente sarà sempre troppo basso.

Negli ultimi mesi c'è stato un incremento del 400% degli URL malevoli all'interno delle email.
 
amo con carta di credito

La cosa preoccupante è che gli attacchi diventano sempre più personalizzati grazie ai dati raccolti durante una violazione.

Ad esempio le password violate vengono utilizzate non soltanto per prendere il controllo dell’account, ma anche per perpetrare altre azioni tra cui, in particolare, l’invio di email a scopo di ricatto.

Inoltre, il phishing non sempre mira ad acquisire username e password, ma punta a violare anche le domande segrete e le relative risposte.
 

I tuoi clienti usano ancora Windows 7?


Microsoft ha da poco annunciato la fine del supporto per Windows 7. E a buon ragione.

Le infezioni sulle macchine non patchate che montano il sistema operativo in questione sono aumentate del 70% da gennaio a giugno di quest'anno.

So bene quanto possa essere difficile convincere i clienti, specie quelli piccoli o quelli con la mentalità del "finché funziona me lo tengo". Ma è davvero arrivato il momento di mandare in pensione sistemi operativi dell'altro decennio.

Se ti interessa approfondire e analizzare tutti i dati del report, puoi scaricare direttamente il Webroot Threat Report Mid-Year Update.

 

Condividi sui Social Network