Knowledge Base

L'archivio documentale di supporto ai prodotti Achab.

KB51863 MDaemon - Report DMARC

Ultimo aggiornamento: 05/08/2015
Articolo valido per MDaemon versione: 15.0.3

Ho ricevuto delle email con gli esiti delle verifiche DMARC, ma l'allegato XML è poco leggibile. Come si gestiscono queste notifiche?

DMARC è un meccanismo recente che, utilizzando il DNS (Domain Name System) permette alle organizzazioni che spediscono posta elettronica di definire e distribuire policy di dominio per la validazione, la distribuzione e i report della stessa. I report sono eventualmente generati dal ricevente del messaggio di posta che effettua la verifica DMARC ed inviati al mittente sempre via posta elettronica.

La fig. 1 riporta un esempio di un report DMARC inviato da google.com:

fig 1.


Il report è costituito da una email inviata dal destinatario che contiene in allegato uno zip che contiene il report vero e proprio in formato HTML. MDaemon, ogni giorno può ricevere un certo numero di questi messaggi. La procedura che segue illustra come aggregare questi dati in un formato più leggibile (HTML):
 
  1. Creare una cartella, ad esempio C:\MDaemon\DMARCReport dove salvare le notifiche ricevute via email (i file .msg che contengono l'allegato XML).
  2. Aprire il prompt dei comandi di Windows.
  3. Digitare i seguenti comandi:
cd\
cd MDaemon\App    (supponendo che MD sia installato in C:\MDaemon)
DMARCReporter /m=C:\MDaemon\App /f=C:\MDaemon\DMARCReport /e=postmaster@miodominio.it. (i dettagli del comando si trovano nel file MDaemon\App\DMARCReporter.txt)
 
L'ultimo comando parsa i vari messaggi di notifica presenti nella cartella e genera un report unico in formato HTML (fig. 2) che viene inviato via email all'indirizzo specificato:


fig 2.

Questo articolo ti è stato utile?

Lasciaci un feedback

Hai trovato delle inesattezze, vorresti fare delle integrazioni all'articolo o anche solo darci un tuo parere? Scrivici liberamente utilizzando il modulo sottostante.

 

Le tue informazioni non verranno pubblicate, ma inviate privatamente al responsabile della Knowledge Base.