Soluzioni tecniche

Analizzare i crash di sistema con BlueScreenView

02 Febbraio 2012

Blue Screen of Death, crash di sistema… Quante volte ci siamo trovati a dover capire il motivo che li genera, senza avere strumenti adatti all’analisi?

Blue Screen
 
Spesso il crash avviene in modo così rapido che non siamo in grado nemmeno di leggere la stringa di errore prima del riavvio del pc.
Inotre, la procedura standard per l’analisi, che prevede tra le altre cose l’installazione dei Microsoft Debugging Tools, non è tra le più rapide e semplici.
A questo proposito, NirSoft ha creato BlueScreenView, un'utility che trova i dump di memoria presenti all’interno del sistema e ne visualizza le informazioni a schermo.
Una volta installato (esiste anche una comoda versione portable) e lanciato, BlueScreenView ci mostra una finestra composita: in alto, troviamo la lista dei minidump trovati; in basso possiamo visualizzare alternativamente:
  • i dati RAW della memoria scaricata;
  • tutti i driver caricati in memoria al momento del crash;
  • solo i driver presenti nello stack di chiamate che lo ha causato;
  • la visualizzazione dell’errore come "Blue Screen of Death".
BlueScreenView
 
Quest'ultima visualizzazione serve a comprendere la posizione dei vari dati nella schermata blu (per esempio, la libreria o il driver chiamati al momento del crash sono in fondo, mentre la stringa di errore si trova in alto).
A questo punto i dati sono tutti a disposizione.
D’ora in poi non possiamo più dire: “Non so cosa ha fatto andare in crash il pc”!

Tu conosci qualche altro sistema rapido per analizzare i file di registrazione dei crash?

Autore
Furio Borsi
Si appassiona al mondo digitale fin da bambino, con il glorioso Commodore 64, sul quale si diverte a scrivere semplici programmi in Basic e modificare giochi. Nel 1990 riceve in regalo il suo primo PC (i386), seguito un paio d'anni dopo da un i486dx. In questi anni affina le sue attitudini al problem solving, scassando hardware e software e divertendosi a rimetterlo a posto. ;) Diventa così "quello che se ne capisce" per i suoi familiari e amici, arrivando a collaborare con alcuni studi professionali per la gestione del parco macchine e dei server Windows. Finito il liceo, studia DAMS con indirizzo multimediale a Bologna e Imperia. Nel 2002, dopo un anno sabbatico a Londra, lavora come sviluppatore junior in un'azienda che produce software per database territoriali in ambito Pubblica Amministrazione. In questo periodo si avvicina con passione a problematiche sistemistiche e di network management su reti estese. Nel 2007 entra a far parte dello staff di Achab, per cui si occupa di formazione e supporto, in particolare riguardo a Kaseya, e gestione del parco macchine e della rete.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.