Soluzioni tecniche

Appena passato a Mac, come usare un disco USB NTFS

15 Aprile 2015
Recentemente il mio vecchio amico portatile mi ha abbandonato e come si dice in questi casi "morto un portatile se ne fa un altro". Allora quale scegliere? 

MacBook Pro naturalmente! Perché? Volevo qualcosa di diverso (le nuove cose mi emozionano) ed è più “portabile”, vista la durata della batteria.
 



La gioia di giocare con il nuovo gioiellino lascia subito il posto al primo problema da affrontare: un disco esterno formattato in NTFS può essere montato solo in lettura, fastidio non da poco soprattutto perché il disco SSD non è infinito. 

Guardo un po’ di forum è scopro che il problema non è insormontabile: basta inizializzare il file system del disco in ExtFat, formato compatibile anche per Windows. 

E se non volessi formattare il mio drive? Magari uno ha già anche qualche dato importante memorizzato, in particolare il backup in .vmdk del vecchio portatile, per la precisione 500 giga!

La soluzione più facile sarebbe quella di comprare un altro disco.

E se non volessi comprarlo? Allora tocca proprio risolvere questo problema. 

Il file system NTFS è proprietario di Microsoft e Apple non ha sviluppato i driver necessari per gestire la scrittura.
Per fortuna ci sono tre tool disponibili che fanno al caso mio:
 
  • FUSE for OS X.
  • NTFS-3G.
  • FUSE_WAIT.
Al termine dell’installazione, seguendo la giusta procedura che trovate a questo link, è possibile montare il drive NTFS in scrittura/lettura.

Secondo problema: montare il file VMDK risultato del backup del mio vecchio portatile.

Potete scaricare il tool VMDK Mounter di Paragon.
Dopo il riavvio è possibile aprire anche questi file ma prima bisogna disabilitare il mount con NTFS-3G altrimenti incappate in un errore.

Quindi bisogna andare in Preferenze di sistema, doppio clic su NTFS-3G, abilitare la possibilità di modificare la configurazione cliccando sul famoso lucchetto giallo in basso a sinistra e disabilitare il driver.

Fatto questo potete accedere tranquillamente ai file VMDK e ricordatevi che se dovete scrivere sul disco dovete riabilitare il drive!

Autore
Vito Pietrapertosa
Commenti (2)

@Antonio: grazie della dritta!

Claudio Panerai,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.