Cybersecurity

Attacco hacker per Adobe: rubati codice sorgente e credenziali utente

04 Ottobre 2013

(Tratto da Avira TechBlog)

Adobe Systems, Inc., azienda che produce Adobe Acrobat, Coldfusion e molti altri programmi famosi, ha dichiarato che la propria infrastruttura è stata violata e che il codice sorgente di diversi prodotti è stato rubato.
La violazione è stata scoperta dal ricercatore Brian Krebs e dalla società di audit Hold Security LLC.

Gli hacker hanno avuto accesso ai dati di quasi tre milioni di carte di credito, oltre ad aver rubato i dati di login di un numero imprecisato di account.
Adobe ha rassicurato sul fatto che i dati delle carte di credito fossero criptati.
In ogni caso, ha invitato via email i clienti coinvolti (tra cui utenti Revel e Creative Cloud) a reimpostare le proprie password, oltre ad aver pubblicato un avviso di sicurezza pubblico.

Secondo Krebs, Adobe sapeva della violazione dei dati già da metà agosto e dal 17 settembre stava indagando attivamente.

E gli utenti free di Adobe (come quelli di Acrobat Reader, Fusion, Flash), che rischi corrono?

Se gli hacker trovassero delle vulnerabilità nel codice rubato, sarebbero gli unici a saperlo.
In questo modo sarebbero in possesso di un exploit che non potrebbe essere rilevato da alcun software di sicurezza e nemmeno fermato da Adobe.

L'azienda ha pubblicato informazioni sul rilascio di aggiornamenti critici previsto per l'8 ottobre, che riguardano Adobe Acrobat e Adobe Reader.

Per il momento consigliamo a tutti di non aprire documenti di Adobe che provengano da fonti non attendibili o sconosciute.

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.