Backup, DR e business continuity

BackupAssist 7.3.1: ancora più comodo per Exchange

29 Ottobre 2013

Piccola grande release per BackupAssist

Oltre a qualche fix di errori noti, questa release porta grande beneficio a coloro che devono protegge un server Exchange.
Infatti introduce la funzionalità Exchange VM Discovery.
Detta così potrebbe non sembrare particolarmente interessante, invece lo è.

Supponiamo di avere un host dove gira Hyper-V e che su una delle macchine virtuali giri un server Exchange.
Una licenza di BackupAssist, una licenza Hyper-V Granular Add-on e una licenza Exchange Granular Add-on sono sufficienti alla protezione di questo sistema.
Prima della versione 7.3.1, in caso di problemi che richiedessero il granular restore sul guest dove gira Microsoft Exchange, l’operazione doveva avvenire in più passi:

  1. ripristino completo del file VHD del guest e caricamento sulla macchina host Hyper-V;
  2. mount del VHD guest in modo tale che il file EBD fosse disponibile;
  3. esecuzione dell'Exchange Granular Restore per recuperare gli item da file EBD appena recuperato.

Ebbene, con la funzione Exchange VM Discovery queste operazioni sono gestite automaticamente da BackupAssist, in un solo passaggio.
Quando si schedulano i job di backup, infatti, ora BackupAssist è in grado di interrogare i guest e chiedere se c’è Exchange in esecuzione.
In caso di risposta affermativa le informazioni sul guest e sul file d EBD vengono memorizzate direttamente nel "catalog" (il luogo dove vengono inserite tutte le informazioni essenziali per i backup) di BackupAssist.
Quindi il restore granulare di Exchange potrà essere richiamato dal consueto menù Restore -> Exchange -> Exchange Granular Restore senza doversi occupare di eseguire i tre passi manuali illustrati in precedenza.

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.

Tieniti aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative