Backup, DR e business continuity

BackupAssist: Shadow Copy Protect Mode

15 Aprile 2015
BackupAssist v8.4 include una nuova funzione denominata Shadow Copy Protect Mode dedicata ai backup di tipo System Protection che può essere abilitata dagli utenti che sperimentano la perdita dello storico dei backup.



Il problema
 
Ci sono situazioni nelle quali si usa BackupAssist per eseguire un ripristino da un backup per poi scoprire di aver perso i vecchi backup storici.
Con non poche difficoltà si è scoperto che il problema è da imputare a VSS.
In alcuni rari casi, infatti, VSS cancella lo storico dei backup quando il job di backup (il processo wbadmin) incontra difficoltà nello scrivere sulla destinazione dei backup stessi.
Se il job riesce a scrivere con successo sulla destinazione dei backup, non riporta alcun problema perché non sa che VSS ha cancellato lo storico; sa solamente di aver completato il backup correttamente.
Il risultato è che lo storico dei backup è perduto e il job crea con successo un nuovo backup.
 
La causa
 
Il problema si verifica principalmente nei casi in cui destinazioni di backup presentino problemi prestazionali tali da creare difficoltà al job di backup nella scrittura di dati sulla destinazione stessa.
Nello specifico, questi problemi si verificano comunemente con destinazioni di rete dalle basse performance.
I problemi si possono verificare quando la destinazione del backup è di questo tipo:
 
  • target iSCSI economici e dalle scarse prestazioni.
  • Destinazioni NAS economiche e dalle scarse prestazioni.
  • Infrastrutture di rete non ottimizzate o lente.

Questi scenari sembrano essere ulteriormente aggravati quando non vengono utilizzate SAN (Storage Area Network) dedicate bensì normali reti LAN o WAN.
I problemi prestazionali che possono sorgere su una WAN o LAN condivisa possono influire negativamente sulla capacità dei job di backup di scrivere l'immagine di backup sulla destinazione specificata alla velocità necessaria.
 
La soluzione
 
VSS è una tecnologia Microsoft che BackupAssist utilizza per mantenere lo storico dei backup di tipo System Protection. BackupAssist può ora sfruttare una funzione speciale di VSS progettata per proteggere lo storico dei backup anche quando si verificano errori di scrittura.
La soluzione si chiama Shadow Copy Protect Mode, una configurazione opzionale per i backup di tipo System Protection.
Per prima cosa Shadow Copy Protect Mode impedisce a VSS di cancellare lo storico dei backup e, qualora il backup non riesca, avvia un nuovo tentativo.
Questo secondo tentativo riguarda un'immagine di backup completa e non un backup incrementale, e risulta quasi sempre in un backup corretto.
 
Se anche il secondo tentativo incappa in un altro errore di scrittura, il job si ferma restituendo un messaggio di errore piuttosto che rischiare di perdere lo storico dei backup.
 
Usando Shadow Copy Protect Mode il tentativo di eseguire un backup completo avviene solo in caso di errore di scrittura. 
 
Questa tabella confronta i backup con SPM e senza SPM.
 

Senza SPM Con SPM
Wbadmin prova a scrivere. Wbadmin prova a scrivere.
VSS non riesce ad aggiornare lo storico. VSS non riesce ad aggiornare lo storico.
Tutto lo storico dei backup viene perso. SPM blocca la cancellazione dello storico da parte di VSS.
Wbadmin scrive con successo. Wbadmin non riesce a scrivere.
  BackupAssist avvia un nuovo tentativo di Wbadmin.
  Wbadmin riprova con un backup completo (altissima percentuale di successo). 

Se il tentativo non va a buon fine, il job di backup si interrompe e fornisce uno dei seguenti avvisi:

  • BA2954: Shadow Copy Protection Mode ha protetto lo storico dei backup dopo un guasto e ha riavviato il backup.
  • BA2950: Shadow Copy Protection Mode ha intercettato un errore di VSS durante il backup e ha protetto lo storico dei backup; tuttavia ci sono conseguenze sul backup attuale.

Come abilitare Shadow Copy Protect Mode 

 
Per abilitare la funzione Shadow Copy Protect Mode nei backup di tipo System Protection:
 
  1. selezionare il menu Manage del tab Backup.
  2. Selezionare il job di backup.
  3. Selezionare Edit.
  4. Selezionare Imaging options. 
  5. Selezionare Shadow Copy Protection Mode sotto VSS Backup Mode. 
 

 
L'implementazione
 
BackupAssist v8.3 
 
BackupAssist v8.3 comprende una versione alfa dell'implementazione di Shadow Copy Protect Mode. Questa versione non richiede il secondo tentativo di wbadmin ma impedisce a VSS di cancellare lo storico di backup e termina il job.
Questa versione di Shadow Copy Protect Mode non dovrebbe più essere usata. 
 
BackupAssist v8.4 
 
BackupAssist v8.4 comprende un'implementazione consigliata di Shadow Copy Protect Mode. Questa versione effettua tutti i passaggi evidenziati nella tabella precedente. Richiedendo un nuovo tentativo, SPM (in quasi tutte le occasioni) crea conseguentemente un'immagine di backup priva di errori ed evita la perdita dello storico.

Gestione storage

Dal momento che Shadow Copy Protect impedisce a wbadmin (il processo di backup) di gestire lo storage (eliminando i vecchi backup per fare posto ai nuovi), Shadow Copy Protect Mode si occupa anche di questa funzione.
Esiste una barra percentuale sotto la casella Shadow Copy Protect Mode che permette di specificare la quantità di spazio da riservare ai backup storici.
Al crescere del backup completo, i backup storici vengono cancellati per fare spazio.
Tuttavia è possibile specificare una percentuale di spazio protetto entro il quale i backup storici non possono essere cancellati: questi saranno i backup storici più recenti, e piuttosto che sovrascriverli il job si fermerà con un messaggio di mancanza di spazio sulla destinazione.

Risoluzione degli inconvenienti e troubleshooting

Shadow Copy Protect Mode (SPM) è una soluzione destinata agli utenti che perdono lo storico dei backup quando eseguono backup di tipo System Protection.
Questa sezione fornisce consigli per la risoluzione di potenziali inconvenienti in base agli scenari possibili.

Scenario 1 – Utenti che hanno già incontrato il problema

Prima di BackupAssist v8.4, gli utenti che eseguivano backup di tipo System Protection potrebbero aver perso lo storico dei backup senza accorgersene, oppure potrebbero averlo notato e contattato quindi il servizio di assistenza tecnica.
Potrebbero essersene accorti perché:

  • i report dei backup evidenziavano la presenza di un unico backup sulla destinazione, quando invece avrebbe dovuto esserci uno storico completo.
  • Avendo provato a eseguire un ripristino si sono accorti della mancanza del backup che si aspettavano. 
Gli utenti con problemi preesistenti dovrebbero effettuare l'aggiornamento a BackupAssist v8.4 e abilitare SPM.
Inoltre dovrebbero eseguire una verifica del proprio ambiente di backup ricercando hardware scarsamente performante, conflitti tra richieste di bandwidth e sovrautilizzi della rete, dal momento che sono queste le cause più probabili del problema.
SPM porta a un maggior numero di backup completi dal momento che un backup completo viene creato ogni volta che Shadow Copy Protect Mode si attiva a impedire la perdita di uno storico dei backup.
Nei rari casi in cui SPM non fosse in grado di proteggere lo storico e si perdessero quindi i backup, occorre analizzare i problemi dell'hardware e della rete per risolvere il problema di fondo.
 
Scenario 2 – Utenti che sono stati avvisati del problema
 
Con BackupAssist v8.4, gli utenti che non hanno finora registrato perdite di storici di backup saranno ora avvisati qualora il problema dovesse verificarsi.
Quando un utente v8.4 viene avvisato:
 
  • il report del backup consiglia di abilitare SPM. 
  • L'articolo di knowledge base associato al problema consiglia anch'esso di abilitare SPM e suggerisce di verificare l'infrastruttura di backup dal momento che è questa a costituire molto probabilmente la causa del problema.
Come nello scenario 1, se sono avvenute perdite di storici di backup, SPM produrrà un maggior numero di backup completi e potrebbe non essere sempre in grado di proteggere lo storico.
 
Scenario 3 – Utenti che hanno abilitato SPM e che sperimentano frequenti tentativi 
 
Dopo aver abilitato SPM è probabile che i clienti osservino regolarmente una condizione "retry" nei report dei propri backup; in questo caso possono rivolgersi al servizio di assistenza tecnica per approfondire il problema
Il punto da evidenziare è che, sebbene SPM protegga i backup, tuttavia potrebbe a volte non essere in grado di farlo; e quando protegge i backup, richiede un nuovo tentativo che produce un backup completo.
 
Scenario 4 – Utenti che continuano a perdere lo storico dei backup nonostante abbiano abilitato SPM
 
Gli utenti potrebbero registrare ancora una perdita dello storico dei backup pur dopo aver abilitato SPM. 
Sebbene questo caso dovrebbe essere ben più raro di quanto non lo sia senza SPM, sappiamo che in situazioni estreme può ancora verificarsi. L'utente potrebbe aver già parlato di SPM con l'assistenza tecnica oppure potrebbe essere il suo primo contatto.
Sebbene questa perdita possa essere ricondotta a un bug occasionale di qualche genere, è assai più probabile che il problema sia attribuibile all'ambiente di backup.
Quindi, ancora una volta, occorre analizzare infrastruttura e configurazioni dal momento che sono queste le cause più probabili dell'inconveniente.
Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.

Tieniti aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative