Cybersecurity

6 consigli di sicurezza informatica durante le feste natalizie

20 Dicembre 2012

Il periodo natalizio è uno dei momenti dell'anno in cui si trascorre più tempo online: acquisto di regali, beneficenza, organizzazione delle ferie, messaggi di auguri ad amici e parenti lontani…
Lo sanno bene anche i cybercriminali, che sono pronti a sfruttare questo fatto per i propri scopi.
Ecco allora alcune raccomandazioni per navigare online tranquilli durante il periodo natalizio. Come sempre, le regole principali sono due: avere un buon antivirus e tenerlo aggiornato; usare il buon senso prima di cliccare o fornire informazioni personali.

1 – Shopping online
 

Quando effettuate l'acquisto di regali di Natale online, prestate la massima attenzione soprattutto se utilizzate i dispositivi mobili e le App per lo shopping o quelle bancarie. I siti di e-commerce possono essere contraffatti così bene da sembrare autentici: digitate sempre per intero l'url e acquistate solo su siti ben noti. Il maggiore oggetto delle truffe online sono gli iDevice.


2 – Social network
 

Il periodo natalizio è anche uno dei periodi dell'anno in cui si utilizzano di più i social network, per restare in contatto con persone lontane e per scambiarsi gli auguri.
Diffidate dagli annunci, dai concorsi e dalle offerte speciali su Facebook, Twitter e gli altri social network, anche se l’invito arriva da un amico: infatti gli account degli amici potrebbero essere stati compromessi a loro insaputa.


3 – Spam

Anche lo spam è in aumento: attenzione soprattutto alle email che promettono presunti regali di Natale e che potrebbero scaricare del malware sul computer. Diffidate dalle email con offerte speciali, a meno che non siano state inviate da una singola catena o un negozio che conoscete.

4 – SMS

Oltre al phishing, un’altra minaccia è lo SMishing: il phishing via SMS.
I truffatori inviano SMS per indurre gli utenti a rivelare le proprie informazioni personali, fingendo di essere un’azienda legittima.

5 – Beneficenza

Una delle truffe più diffuse durante il periodo natalizio è la falsa beneficenza. Non sto dicendo di non fare beneficenza, ma di farlo solo attraverso i siti ufficiali delle fondazioni e delle organizzazioni più conosciute.

6 – E-card

Le E-card sono un modo per inviare in modo rapido gli auguri di buone feste, ma attenzione perché possono contenere spyware o virus che si scaricano sul computer una volta cliccato il link per vedere la cartolina. Assicuratevi che l’E-card provenga da un contatto e da un sito web conosciuti, controllandone la reale presenza sul web.

Buone feste a tutti!

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (2)
guest
2 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Ilaria Colombo
Ilaria Colombo
9 anni fa

Ciao Andrea, grazie per la tua interessante puntualizzazione. Continua a seguirci!

Andrea Colongi
Andrea Colongi
9 anni fa

Bene come idea, ma credo manchi una cosa ( almeno per me ) fondamentale : l’utilizzo dell’ https di default.

Tieniti aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative