Email

9 motivi per cui l’archiviazione di Office 365 non è sufficiente

01 Aprile 2015

Questa è la storia di Giovanni, nome di fantasia perché il cliente preferisce restare anonimo ma ci consente di parlare dell’accaduto.


Dopo aver tenuto per anni un sistema di posta elettronica in casa, la sua azienda ha deciso di affidarsi al servizio di Office 365.
Ottima scelta, nulla da dire. Quando poi gli abbiamo chiesto perché non si erano dotati di un servizio di archiviazione professionale delle email, ha risposto: "Office 365 ti offre gratuitamente un sistema di archiviazione… non ce ne serve un altro!".
 
Abbiamo iniziato a discutere sulle differenze fra l’archiviazione "inclusa" in Office 365 e l’archiviazione di MailStore, sistema di archiviazione professionale della posta elettronica.

Discutendo insieme abbiamo trovato 9 "differenze" o 9 motivi che mettono in evidenza che l’archiviazione inclusa in Office 365 non è sempre sufficiente.

Archiviazione email
In sintesi l’archiviazione di Office 365:
 
  1. non supporta tutte le versioni di Outlook.
  2. Non è sempre disponibile con tutti i piani e contratti.
  3. Non consente la ricerca all’interno degli allegati.
  4. Non dispone di funzioni di raccolta email, richiede l’utilizzo di caselle esterne.
  5. Chiunque può cancellare email dall’archivio.
  6. L’archivio può essere consultato solo via web o da Outlook.
  7. Archivia solo email presenti in Outlook e non in altri sistemi o file.
  8. Richiede connessione online per consultare l’archivio.
  9. L’archivio della tua posta elettronica si trova nel cloud e non nella tua azienda.
Un dettaglio approfondito e articolato delle differenze lo puoi scaricare liberamente.
Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti