Soluzioni tecniche

Aggiornare l’edizione di Windows Server senza reinstallare

08 Ottobre 2013

Caso reale: in rete c’è un server Windows 2008 R2 Foundation Edition collegato ad Active Directory.
Tutto bene, finché nel dominio ci sono quindici utenti o meno.
Ma la nostra rete cresce e la limitazione sul numero di utenti di quell’edizione di Windows diventa stringente.
Le possibilità sono:

  1. togliere la macchina dal dominio e gestirla come stand-alone, affrontando tutte le eccezioni generate da questa situazione;
  2. aggiornare a un’edizione che non abbia limitazioni sul numero di utenti (ad esempio Standard).

La seconda soluzione è la migliore per permetterci una gestione omogenea delle macchine.

Dobbiamo per forza reinstallare? La risposta è no!

Dalla versione 2008 R2 di Windows Server, è stato introdotto il comando dism.exe (acronimo che sta per Deployment Image Servicing and Management, tradotto in italiano come Gestione e manutenzione immagini distribuzione).
I più attenti ricorderanno che l’abbiamo già usato.

Questo comando "Consente di eseguire la manutenzione di un'immagine Windows o di preparare un'immagine Ambiente preinstallazione di Windows (Windows PE)".
Ha quindi moltissimi parametri e molteplici funzionalità.
Quella che ci interessa oggi è la possibilità di aggiornare l’edizione di Windows senza utilizzare un supporto di installazione.

L’aggiornamento eseguito in questo modo è molto veloce perché non richiede una reinstallazione completa del sistema operativo: i ruoli e le feature installate, così come altre caratteristiche quali nome della macchina, utenti e amministratori, eventuale appartenenza al dominio, ecc., vengono preservate.

Vediamo come procedere

Intanto accertiamoci che l’edizione installata sia quella che pensiamo, digitando (in un prompt eseguito con diritti elevati) il comando:

DISM /online /Get-CurrentEdition


DISM/online/Get-CurrentEdition

Vediamo poi verso quale edizione ci è permesso aggiornare.

DISM /online /Get-TargetEditions


DISM/online/Get-TargetEditions


In questo caso possiamo aggiornare solo all’edizione Standard.
Questo perché Microsoft definisce a monte quali sono i percorsi di aggiornamento possibili.
Vediamo qualche esempio:

  • Windows Server 2008 R2 Standard -> Windows Server 2008 R2  Datacenter -> Windows Server 2008 R2 Enterprise;
  • Windows Server 2012 Standard -> Windows Server 2012 Datacenter -> Windows Server 2012 Enterprise ;
  • Windows Server 2008 R2 Foundation -> Windows Server 2008 R2 Standard.

Una volta procurataci la chiave necessaria, possiamo procedere all’aggiornamento:

DISM /online /Set-Edition: /ProductKey:XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX

Ad esempio, se volessimo aggiornare la nostra edizione da Foundation a Standard, dovremo digitare:

DISM /online /Set-Edition:ServerStandard /ProductKey:XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX 

Queste informazioni sono state utili?

Autore
Furio Borsi
Si appassiona al mondo digitale fin da bambino, con il glorioso Commodore 64, sul quale si diverte a scrivere semplici programmi in Basic e modificare giochi. Nel 1990 riceve in regalo il suo primo PC (i386), seguito un paio d'anni dopo da un i486dx. In questi anni affina le sue attitudini al problem solving, scassando hardware e software e divertendosi a rimetterlo a posto. ;) Diventa così "quello che se ne capisce" per i suoi familiari e amici, arrivando a collaborare con alcuni studi professionali per la gestione del parco macchine e dei server Windows. Finito il liceo, studia DAMS con indirizzo multimediale a Bologna e Imperia. Nel 2002, dopo un anno sabbatico a Londra, lavora come sviluppatore junior in un'azienda che produce software per database territoriali in ambito Pubblica Amministrazione. In questo periodo si avvicina con passione a problematiche sistemistiche e di network management su reti estese. Nel 2007 entra a far parte dello staff di Achab, per cui si occupa di formazione e supporto, in particolare riguardo a Kaseya, e gestione del parco macchine e della rete.
Commenti (12)
guest
12 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Vincenzo Convertito
Vincenzo Convertito
8 anni fa

Grazie. Sono sempre preziosi i tuoi post.

Furio Borsi
Furio Borsi
8 anni fa

Grazie a te, Vincenzo! 🙂

Oscar Maffi
Oscar Maffi
5 anni fa

Ciao,
cercando una soluzione per aggiornare un server Windows 2012 R2 Foundation alla versione standard (per superare il limite dei 15 utenti e della presenza di un solo DC in AD) ho trovato questa interessante soluzione che però va in conflitto con quanto indicato su questo articolo Microsoft https://technet.microsoft.com/en-us/library/jj679892.aspx dove si dice "Upgrade of Windows Server 2012 Foundation is not supported". Qualcuno ha testato la soluzione pubblicata da Furio su Windows 2012 R2 Foundation e mi conferma che funziona?
Grazie

Furio Borsi
Furio Borsi
5 anni fa

Ciao Oscar,

ovviamente fa testo Microsoft: come si dice. ubi maior minor cessat.
Ad ogni modo, verificare se anche Windows 2012 R2 Foundation ha un upgrade path è semplice: basta eseguire il comando
DISM /online /Get-TargetEditions
(citato anche nell’articolo) in un prompt amministrativo: se ci sono upgrade permessi, è Windows stesso a segnalarteli.

Oscar Maffi
Oscar Maffi
5 anni fa

Purtroppo confermo che il comando lanciato sul server Windows 2012 R2 Foundation che avrei la necessità di aggiornare alla versione Standard mi restituisce
"Impossibile aggiornare l’edizione corrente ad alcuna edizione di destinazione"
🙁

Davide Lo Sardo
Davide Lo Sardo
5 anni fa

Salve,
Sapete se questa guida è valida anche per windows server 2012 foundation to standard?
Grazie

Furio Borsi
Furio Borsi
5 anni fa

Ciao Davide,
l’upgrade di foundation to standard è uno dei percorsi di aggiornamento citati anche nel post stesso. Differenti versioni di Windows hanno però upgrade path differenti.
Buona giornata.

Giuseppe Foti
Giuseppe Foti
6 anni fa

Ho letto l’articolo e lo trovo molto interessante, ma volevo chiarire un aspetto. nell’aggiornamento da Windows 2008 R2 foundation a Standard R2, ho letto in un altro articolo che prima dell’upgrade sarebbe necessario depromuovere il controller di dominio, fare l’aggiornamento e poi rifare il dcpromo con tutti i passaggi dei ruoli. E’ vero?

Giuseppe Foti
Giuseppe Foti
6 anni fa

Ho trovato l’articolo molto interessante, ma volevo chiarire un aspetto per me importante, prima di effettuare l’aggiornamento da Windows 2008 R2 foundation a R2 Standard, è necessario depromuovere il controller di dominio esistente sul server da aggiornare e poi rifare il Dcpromo. Mi sembra di averlo letto in qualche articolo….. grazie mille

Furio Borsi
Furio Borsi
6 anni fa

Ciao Lorenzo,

la procedura serve ad aggiornare l’edizione, quindi se parti da una Foundation, hai bisogno della licenza di una Standard per fare l’aggiornamento.

Se hai altri problemi non esitare a chiedere.

Lorenzo Bandinelli
Lorenzo Bandinelli
6 anni fa

Salve Furio,
le volevo porre una domanda… io ho product key di Windows Server 2008 R2 Foundation, sto cercando di effettuare l’operazione nell’articolo, ma una volta effettuata mi restitusce il messaggio d’errore 1605. Ci vuole il codice product key di Windows Server 2008 R2 Standard o faccio qualche sbaglio io?
Grazie dell’attenzione

Lorenzo

Giuseppe Manfrecola
Giuseppe Manfrecola
4 anni fa

Questo articolo ha risolto un mio grosso problema.
Ho fatto l’errore di utilizzare una licenza Windows Server 2016 Essential per Hyper-V. Il risultato è stato che il server effettuava l’arresto con cadenza settimanale. Ho scoperto successivamente che per tale licenza è necessario che il server detenga i ruoli di FSMO.
Ho chiesto se potevo trasformarla in Standard ma nel forum microsoft mi hanno detto che non era possibile.
Quindi l’unica soluzione restava quella di esportare le VM reinstallare il S.O. Host e reimportare le VM.
Una splendida figura nei confronti del cliente per un server consegnato da poco.
Invece dopo aver letto questo articolo ho fatto un test in laboratorio con esito positivo e senza nessun problema digitando questo comando:

DISM /online /Set-Edition:serverstandar /ProductKey:12345-67890-12345-67890-12345 /AcceptEula

ora non mi resta che applicarlo al cliente.

Grazie Ancora 🙂