Cybersecurity

Come evitare il software indesiderato

02 Luglio 2014
A tutti noi è successo, oppure l'abbiamo visto sul computer di un amico, un familiare o un conoscente: la home page è stata cambiata per puntare a un motore di ricerca mai sentito prima e nel browser è comparsa una nuova fastidiosa toolbar.
Magari continuano ad aprirsi pop-up pubblicitari, o qualche prodotto di sicurezza fasullo afferma che il computer è infetto e che sarebbe utile acquistare quel certo programma per eliminare il problema.
Ancora peggio, non si sa da dove sia arrivato tutto questo!

Benvenuti nel mondo delle Applicazioni Potenzialmente Indesiderate o PUA (Potentially Unwanted Application)

Probabilmente questi programmi sono stati installati inavvertitamente insieme ad applicazioni prelevate da siti che usano dei cosiddetti "download manager" in modo da aggiungere ulteriore software a quelli che sarebbero altrimenti dei normali download gratuiti.

Molti di questi "download manager" e le applicazioni che essi installano adottano un modello Pay Per Install di cui si avvalgono spesso individui senza scrupoli che sfruttano varie tecniche per convincere gli utenti a fare clic sui loro siti anziché sui siti ufficiali dei software che si desidera scaricare.
Queste tecniche comprendono inserzioni pubblicitarie sui motori di ricerca e azioni di Search Engine Optimization (SEO) per spingere questi siti civetta davanti a quelli ufficiali nelle pagine dei risultati di ricerca.
Abbiamo visto anche finti siti per l'upload di immagini il cui unico scopo è quello di dirigere gli utenti verso una pagina che somiglia alla pagina di download ufficiale di un programma ma che utilizza invece uno di questi "download manager".

Come evitare dunque questi "download manager"?

In pratica è molto semplice: ogni volta che è possibile, basta scaricare il software dalla pagina ufficiale del relativo produttore (cosa non sempre fattibile dal momento che alcuni programmi sono resi disponibili solamente attraverso siti di download esterni). Come già detto, alcune delle tecniche più diffuse per spingere gli utenti a installare software attraverso questi "download manager" comprendono inserzioni pubblicitarie e azioni SEO sui motori di ricerca: vi spieghiamo pertanto come localizzare i link di download ufficiali tra i risultati di ricerca di Google, Bing e Yahoo.
 


Per questo esempio cerchiamo il programma di telefonate e videochat Skype.
Nel motore di ricerca digitiamo allora "download Skype".

Con Google è abbastanza semplice identificare il link ufficiale dal momento che le inserzioni pubblicitarie sono chiaramente segnalate; il primo risultato effettivo è il link di download ufficiale.
 


Passiamo ora a Bing.
Dato che sia Skype che Bing sono prodotti Microsoft, i primi due risultati della ricerca restituiscono i link di download ufficiali.



Per un miglior esempio inerente i risultati di Bing, proviamo a cercare Adobe Reader digitando “download adobe acrobat reader”. Anche qui non è difficile trovare il link ufficiale perché le inserzioni pubblicitarie sono chiaramente evidenziate come tali.



Guardiamo ora ai risultati della ricerca “download Skype” su Yahoo. Ancora una volta la pubblicità è evidente e il primo risultato effettivo corrisponde al link di download ufficiale.



Considerando tutti questi risultati, si possono notare alcuni elementi comuni

Tutti i primi risultati sono inserzioni pubblicitarie, nessuna delle quali punta ai link di download ufficiali, e il primo risultato effettivo diverso da una pubblicità corrisponde al link ufficiale.
Anche se questo non sempre è il caso, tuttavia si tratta di una situazione comune e fortunatamente i tre motori di ricerca adoperati per questo esempio fanno un buon lavoro nel rendere chiaramente identificabili le inserzioni pubblicitarie.
Questo significa che tutte le pubblicità sono pericolose? Certamente no!
Ma quando si vuole scaricare software gratuito, dare retta alle pubblicità potrebbe non essere la scelta migliore.
Fate anche attenzione agli URL: i link ufficiali sono tutti sul dominio "skype.com", mentre gli altri puntano a domini differenti.


Ora dovreste avere capito come fanno queste toolbar o pagine di ricerca indesiderate a comparire sul vostro computer, come mai selezionare il primo risultato di un motore di ricerca potrebbe non essere il modo migliore per scaricare software gratuito, e come fare a trovare i link di download ufficiali per il software usando alcuni dei motori di ricerca più diffusi.
Passate queste informazioni alle persone che conoscete, e magari eviterete di dovervi recare a casa di un amico o di un parente per togliere una toolbar indesiderata 😉
 

(Tratto dal blog di Webroot)

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (2)
Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Natale Perucchini
Natale Perucchini
7 anni fa

Condivido

Floralbo Azizi
Floralbo Azizi
7 anni fa

Il famoso Qone8 che cambia la pagina iniziale e il motore di ricerca e fa apparire tantissime pubblicità. Consiglio ADW Cleaner per rimuovere tutte le tool bar.