Soluzioni tecniche

Come importare e usare il tuo vecchio Windows XP dentro Windows 8.1

12 Marzo 2015

Ci sono ancora tantissime persone che usano Windows XP. Lo so perché ho tanti amici e conoscenti che lo fanno.

Quanti sono?
 

Grafico
 
I dati del grafico qui sopra possono essere facilmente desunti da queste analisi.
E ci sono fior di professionisti che usano il proprio applicativo che gira solo su XP e non intendono pagare per avere una versione aggiornata che gira sui sistemi più recenti.

Non starò qui a fare da paladino e difensore di Microsoft invitando tutto il mondo ad aggiornare.
Io consiglio di aggiornare per motivi di prestazioni e di sicurezza, ma non sarò certo io a obbligarvi.

Ci sono però due situazioni dove anche i più incalliti sostenitori di XP si rendono conto che non potrà durare per sempre:
 
  1. un PC di dieci anni ha un disco che gira da dieci anni e prima o poi si romperà
  2. Le prestazioni di un PC di dieci anni sono davvero pessime e un PC nuovo fa gola, peccato che non abbia Windows XP.
Ecco allora un sistema per dare nuova vita a Windows XP: trasformare un computer con Windows XP in una macchina virtuale e farlo girare all’interno di un PC nuovo di zecca con Windows 8.1.
Sì, hai capito bene. Prendi il tuo PC e lo converti un semplice file, che poi potrai far girare dentro un sistema di virtualizzazione sul nuovo PC con Windows 8.1.

Come fare?
 

  • Convertire il PC in macchina virtuale utilizzando questa procedura.
  • Preparare Windows 8.1 per accogliere le macchine virtuali.
  • A questo punto manca l’ultimo passo: portare dentro Windows 8.1 la macchina Windows XP che è stata convertita.
Ormai il più è fatto: basta dire al sistema di gestione di macchine virtuali di Windows 8.1 di creare una macchina virtuale usando il vecchio Windows XP appena convertito. Ecco come fare:
 
  • premere il tasto Windows + S.
  • Digitare Console di gestione di Hyper-V.
  • Avviare la console (potrebbero essere necessari i diritti amministrativi).
  • Nel pannello di sinistra selezionare il proprio PC con il tasto destro del mouse e scegliere Nuovo – Macchina virtuale.
  • Parte una procedura guidata, alla prima schermata procedere con Avanti.
  • Occorre a questo punto dare un nome alla machina virtuale, per esempio "Vecchio XP".
Se si desidera mettere la macchina virtuale in una posizione specifica occorre indicarlo abilitando la spunta in corrispondenza di Archivia macchina virtuale in un percorso diverso, specificando dove metterla e quindi proseguendo con Avanti.
 


 
  • Al passo successivo specificare Generazione1 e proseguire con Avanti.
  • Nella schermata Assegnazione memoria inserire la quantità di memoria che aveva la macchina XP originale e procedere con Avanti.
  • Lasciare non connessa la configurazione di rete e procedere con Avanti.
  • La schermata del disco rigido è cruciale perché non deve crearne uno nuovo ma usare quello che contiene il tuo vecchio PC con Windows XP: quindi scegliere Usa un disco rigido virtuale esistente e specificare il percorso dove trovarlo, proseguire quindi con Avanti.
 

 
  • L’ultima schermata presenta un riepilogo delle impostazioni e si può chiudere la procedura con Fine.
Dopo qualche istante la macchina virtuale (ossia il vecchio PC con Windows XP) compare all’interno della console di Gestione di Hyper-V.
 

 
(Per collegarla alla rete è necessario configurare un adattatore di rete virtuale, ma non mi dilungo su questo perché a seconda di come era configurato il PC di partenza il discorso potrebbe essere molto lungo).
 
Per avviarla è sufficiente fare clic con il tasto destro del mouse e premere Avvia e la macchina si avvierà.
Per vedere lo schermo e usare la macchina occorre fare nuovamente clic con il tasto destro del mouse e scegliere Connetti.
 
Ecco il vecchio PC con Windows XP in esecuzione dentro Windows 8.1!
 

 
Nota
 
Alla prima esecuzione di Windows in modalità virtuale è possibile che venga chiesta l'attivazione.
Se hai una regolare licenza Microsoft, non hai nulla da temere, all’interno di Windows XP scegli l’attivazione telefonica perché molto probabilmente al primo "giro" la rete non sarà automaticamente configurata e quindi Windows XP non riuscirà a fare l’attivazione online.
 
Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (4)
guest
4 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Giuseppe Pappolla
Giuseppe Pappolla
7 anni fa

E’ circa un mese o forse più che ogni 10 minuti circa mi pongo il dilemma…. Rottamo il mio vecchio e glorioso pc con XP e svariati programmi che anche a pagamento ho racimolato in giro per il mondo inerenti la mia attività di radioamatore ( che girano solo su xp) in lunghissimi 10 anni, oppure mi tengo tutto e aspetto che un giorno o l’atro si rompa qualche componente hardware e allora sono problemi seri? Penso che dopo lunghi e tormentati dialoghi tra me e il mio cervello alla fine sono giunto alla conclusione che mi conviene al più presto acquistare un pc assemblato almeno dual core, con 4 gb di ram e archiviazione SSD da 120 gb. Su cui installo window 8.1 e la virtualizzazione del mitico XP in modo da poter continuare ad utilizzare i miei beneamati programmi e al limite gradualmente sostituirli nel tempo con altrettante versioni per 8.1 ovviamente se le troverò…….Sbaglio qualcosa nel ragionamento o è la scelta migliore??? Ciao e grazie a chi mi vorrà rispondere.

Mario La Rocca
Mario La Rocca
7 anni fa

Ormai da due anni altro non si scrive sul web che catastrofismi su Windows XP, "la schifa bestia", per chi ricorda una poesia del Pascoli, tratta da Hugo.
Io sto scrivendo da un PC obsoleto, un Pentium 4 da 1,7 GHz con 1,5 GB di ram e scheda video da 64 MB. Ho installato su questo PC, comprato usato e ricollocato in un altro case, il sistema XP Pro in data 10 ottobre 2004, e da allora non l’ho mai riformattato. Ho aggiornato alla versione SP3.
Ho installato circa 160 programmi differenti, nel corso degli anni.
Navigo con Firefox, scarico la posta con Outlook Express 6.0, uso Avetix per antivirus e ZoneAlarm per Firewall bidirezionale.
Uso CCleaner ed alcuni file batch che partono all’avvio con 30 righe di comandi che cancellano tutte le cartelle sensibili in cui si accumulano file spazzatura.
Uso da 6 anni Sandboxie in versione 3.46 che gira perfettamente.
Anche per esso ho comandi personalizzati e comandi batch che puliscono le cartelle di mio interesse, anche al boot.
In 10 anni non ho mai avuto un blocco del PC, mai un virus e mai un trojan o malware.
Eppure navigo 6 ore al giorno.
Ovviamente io uso il PC da 27 anni ed ho sostenuto qualche esamino di informatica a Ingegneria, oltre a una lunga pratica di programmazione.
Conosco il System File di Windows XP come le mie tasche.
Ho creato 7 partizioni ed ho tutto il sistema dei documenti personali distribuito in giro.
Sulla prima partizione ci sono solo Sistema Operativo e Programmi.
Tutto il materiale di configurazione utente è altrove, come la cartella Documenti, la cartella della posta elettronica (ho 60 account e 7 profili utente differenti), le configurazioni di Goggle Earth, di Skype e di tanti altri software.
La cartella Documents and Settings non supera i 500 MB. C’è ben poco in essa.
Perfino Firefox ha il profilo in altra partizione.
Possiedo 40 Hard Disk estraibili di vario taglio, fino a 1 TB.
Ho il Backup di tutto, ed eseguo Ghost ogni mese sulla partizione del sistema operativo.
Uso inoltre i cd Live di Linux e Hiren’s Boot CD da me rielaborato e trasformato, sia su CD che su varie chiavette, in varie versioni, fino alla 15.2 attuale.
A parte qualche aggiornamento indispensabile per evitare conflitti di installazione di qualche software più recente, a partire dal SP3 non ho mai effettuato aggiornamenti Windows, se non 5 o 6 specifici, di un solo file, cioè una sola patch.
Ho disabilitato fin da subito Ripristino di sistema, ed ho eliminato senza pietà i vecchi backup dopo gli aggiornamenti.
La partizione C gira con 15 GB di spazio, avendo oltre 160 programmi installati, alcuni anche onerosi, perché la cartella Windows è rimasta sempre leggera.
Ora io mi chiedo: a che mi serve lasciare Windows XP su un computer su cui faccio tutto, a parte i Videogiochi?
Per installare cosa? Con soli 1,5 GB di ram PC 133, e con un Pentium da 1,7 GHz?
Che ci metto, Vista?, Windows Seven, o peggio Windows 8?
Ebbene, sia aggiornando dischi di XP clonati, sia con nuovi aggiornamenti da zero, il sistema Hardware è inchiodato con Vista, Seven e Eight, cioè non si muove.
E allora, voi grandi esperti di software e di informatica, come fate a suggerire di passare a Seven e Eight senza almeno un Dual core o 4 GB di ram?
Insomma, a parte Linux, in versioni leggere, tipo Xubuntu o Lubuntu (ma ce ne sono anche tante altre), la Microsoft ed i suoi accesissimi sotenitori e fans, che cosa propongono per far vivere ancora un Hardware come il mio?
Io ci faccio un mare di cose, perfino comporre musica con Cubase, correggere file audio con Audacity e Nero Wave Lab.
Scrivo testi, uso Excel, faccio girare presentazioni, e tengo fino a 20 schede aperte di Firefox in Sandbox.
Ho un sistema operativo perfetto e inattaccabile, in cui ogni tanto eseguo modifiche ai registri di sistema, entrando nelle chiavi a mio piacere e cambiando istruzioni e stringhe.
Che me ne faccio su questo Hardware di Seven e Eight?
Sia beninteso che ho anche un PC con 16 GB di Ram, con scheda Asus da 32 BG, con processore Pentium da 3,3GHz dual core e FSB da 1,6 GHz, con disco in quadriboot con Seven e linux, ma volete togliere la soddisfazione che adesso sto navigando e lavorando con un PC del 2003 in ottime condizioni?
In verità, chi non conosce a fondo elettronica e informatica, chi non ha passato ore e ore con il saldatore e il tester tra le mani, chi non ha buttato il sangue per giorni e nottate su programmi creati da sè con C, con Phyton, con Lisp, con un Assemby, con Visual Basic, chi deve per forza comprare un computer nuovo ogni due anni perché non sa nemmeno formattare ed ha una sola partizione unica, chi non ha passato anni nelle Fiere della Elettronica e Informatica a cercare alle bancarelle schede, ram, dischi, gadget strani e obsoleti, ebbene chi ha 1000 euro da spendere ogni anno per far girare l’ultimo videogioco di grido con grafica da 10.000 x 10.000 pixel, ebbene costui se vuole può parlar male di Windows XP e della "schifa bestia".
Ma a me viene solo da sorridere.
Perciò, siamo seri.
Diciamo che chi conosce la materia può tenersi XP, se vuole e se ha una macchina che funziona anche se datata.
Chi invece ha solo un po’ di infarinatura di informatica, allora certamente deve cambiare macchina e sistema operativo, e pagare per farsi servire la sicurezza da Microsoft.
Ciò detto da uno che ripara tutto, anche il ferro da stiro ultrasuperleggero Sunbeam del 1968, perfettamente funzionante e isolato, e che guida una vera Alfa Romeo del 1971 di 2000 cc che raggiunge 190 Km/h in sicurezza, con gomme nuove, freni perfetti, motore al top, e che il sottoscritto apre e smonta fino all’ultima bronzina del motore o all’ultimo ingranaggio del cambio e del differenziale, per tenere tutto perfetto.
E questa Alfa Romeo non si ferma mai, come il mio glorioso Pentium con XP, che durerà almeno finché non si brucerà qualche componente della scheda madre.
Io non ho bisogno di aumentare la spazzatura del pianeta Terra.

Claudio Panerai
Claudio Panerai
7 anni fa

@La Rocca: ho apprezzato molto il tuo commento.
Tutto ciò che dici è vero e condivisibile.Tuttavia si vede che sei un esperto conoscitore del mondo informatico e hai adottato parecchi accorgimenti e software per lavorare in sicurezza e facendo vivere il pc il piu’ a lungo possibile.
Tuttavia tu appartieni a una piccola minoranza.
Quello che viene scritto è dedicato a persone che non hanno la tua stessa esperienza informatica e io ho visto in giro cose davvero raccapriccianti.

Gianfranco Zanotti Zanotti
Gianfranco Zanotti Zanotti
5 anni fa

@La Rocca
Che dire?
È semplicemente superlativo. Posso solo cercare di emularLo.
La bellezza nel fare e la capacità di fare nascono da una profonda curiosità, inoltre a forza di comprare oggettidispositivi nuovi ogni 6 mesi 1 anno seminiamo solo spazzatura