Soluzioni tecniche

Come misurare la velocità della linea se hai poco tempo

16 Ottobre 2014

Da tecnico avrai certamente ricevuto delle lamentele da parte dei tuoi clienti: "Il server è lento", "Ci mette tanto a scaricare la posta", "E' un'ora che copia il file e non ha ancora finito"…

 
Ci sono passato anche io e la prima cosa che ti viene in mente in quei momenti è: "Chissà che cosa sta facendo il cliente, starà caricando dei file da 1 GB!".

In ogni caso tu devi smettere di fare quello che stai facendo e dargli retta. Stavi analizzando dei file di log? Stavi controllando il tuo codice PHP? Devi smettere e dargli retta.
Non importa quanto è importante quello che stai facendo, il problema di chi ti ha chiamato è urgente. Come sempre del resto.

Allora prendi il tuo bravo programmino di controllo remoto e ti connetti, anzi provi a connetterti, perché è tutto lento…
Inizi a pensare che ci sia qualcosa che davvero non funziona nella rete.
Già che ti hanno interrotto, prendi lo scooter e vai dal cliente.

In effetti constati che la situazione è strana: tutto è acceso ma diverse macchine sono lente, specialmente quelle che stanno lavorando sul server.
L’unica via di uscita è capire dove sta il problema, ossia capire se fra due punti della rete c’è davvero lentezza. In altre parole,
se tra il PC del tuo cliente che ti ha chiamato e il suo server c’è davvero una linea lenta.

Per un attimo non pensiamo a quale problema può rallentare la rete
 
Concentriamoci sul capire se è la rete "la vera colpevole". Come si fa?
Semplice: basta utilizzare un programma gratuito come Iperf.

Ecco come procedere
  • Scarica Iperf;
  • se sei su Windows avrai scaricato la versione compressa .ZIP: decomprimila in una cartella a piacimento;
  • su una delle macchine (la chiamiamo PC1) che trasferisce i dati lenti lancia il seguente comando “server”, in modo che questa macchina si metta in ascolto dei dati provenienti da un’altra macchina: iperf.exe –s.

 
  • Sull’altra macchina (la chiamiamo PC2) scarica sempre lo stesso programma, ma esegui il comando: iperf.exe –c < indirizzo_IP_PC1 >.

 
Dopo qualche istante su entrambi i computer leggerai: "Effettiva velocità di trasferimento dei dati fra PC1 e PC2" e potrai renderti conto se è davvero la rete il collo di bottiglia.
 
Ah, ancora un suggerimento.
Visto che questo sistema è tutto a riga di comando, può essere facilmente automatizzato con script e utilizzato all’occorrenza.
 
Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti