Gestione IT

Gestione dell’infrastruttura IT: vantaggi, sfide e best practice

10 Marzo 2022

Prima di parlare di gestione dell’infrastruttura IT e di quali sono i benefici che comporta il mettere in pratica questa attività, partiamo dal principio.

Cosa si intende per infrastruttura IT?

Per definizione possiamo intendere come infrastruttura IT la combinazione di software, hardware, servizi di rete e risorse necessarie che consentono a un’azienda di operare ed essere gestita.

Quali sono quindi le componenti di un’infrastruttura IT?

Hardware

Comprende i componenti fisici di un’infrastruttura IT come PC, data center, switch, server, router e tutte le apparecchiature necessarie per supportare il funzionamento di dispositivi e macchine che l’azienda possiede. 

Non solo questo, anche le strutture utilizzate per ospitare e alimentare un data center possono essere considerate parte dell’infrastruttura IT.

Software

Si riferisce a tutte le applicazioni utilizzate da un’azienda sia per la fornitura di servizi ai clienti sia per il funzionamento interno e include server Web, sistema operativo (OS), sistemi di gestione dei contenuti, pianificazione delle risorse aziendali, applicazioni di produttività e altro ancora. 

Di questi, il sistema operativo è il software più critico che gestisce l’hardware e collega le risorse fisiche all’ecosistema di rete.

Rete

I componenti di rete interconnessi tra loro sono indispensabili per stabilire la comunicazione esterna e interna tra tutti i dispositivi e gli elementi di un’infrastruttura IT. 

In altre parole, la rete comprende tutti gli elementi software e hardware necessari per abilitare la sicurezza, la connettività Internet e il firewall. 

Una volta che i punti di accesso all’infrastruttura IT vengono rigorosamente stabiliti e controllati, la rete riduce significativamente il rischio di furto di dati perché garantisce che solo il personale autorizzato ottenga l’accesso ai dati trasferiti e archiviati all’interno.

Quali sono i domini dell’infrastruttura IT?

Sette sono in totale i domini che definiscono un’infrastruttura IT, vediamo quali sono.

  • Dominio utente. Come suggerisce il nome, il dominio utente include tutti gli utenti (sia interni che esterni all’organizzazione) che hanno accesso alle informazioni dell’azienda contenute nella rete.
  • Dominio della workstation. Il dominio della postazione di lavoro comprende tutti i dispositivi, inclusi i PC, utilizzati dagli utenti e rappresenta il modo in cui essi interagiscono con l’infrastruttura IT.
  • Dominio LAN. Il dominio LAN (Local Area Network) comprende tutti gli elementi che costituiscono la rete locale come router, hub, workstation, Wi-Fi, switch e access point.
  • Dominio WAN. WAN (Wide Area Network) è il sistema che collega tutti i dispositivi su lunghe distanze e comprende sia linee semi-private sia Internet.
  • Dominio da LAN a WAN. Il dominio da LAN a WAN indica il confine dove i due domini si connettono insieme. Le zone LAN e WAN sono separate da un firewall.
  • Dominio di accesso remoto. In un dominio di accesso remoto, per esempio un dipendente in smartworking o un fornitore, lavora sulla rete locale aziendale accedendo in remoto con l’aiuto di una VPN anziché accedere dall’interno dell’ufficio.
  • Dominio di sistema/applicazione. Il dominio di sistema/applicazione rappresenta le applicazioni e le tecnologie utilizzate per condurre le proprie attività di business e comprende server accessibili dall’utente come database e la posta elettronica.

Bene, fatta questa premessa ora veniamo a noi.

Che cos’è la gestione dell’infrastruttura IT?

Con gestione dell’infrastruttura IT s’intende il coordinamento di tutti i componenti fisici, operativi e tecnici utilizzati da un’azienda per perseguire la sua mission e svolgere le sue attività quotidiane: dati, software, hardware, processi, policy, apparecchiature e strutture.

Data la sua complessità, la gestione dell’infrastruttura IT è ulteriormente classificata in: gestione dello storage, gestione della rete e gestione dei sistemi.

Perché è necessario gestire l’infrastruttura IT?

Allineando la gestione dell’infrastruttura IT con la strategia aziendale, è possibile sfruttare la tecnologia per creare valore per l’intera organizzazione. 

Invece di gestire ogni linea di business separatamente, puoi far convergere la gestione di tutte le diverse strutture IT, storage, applicazioni, server, sistemi di sicurezza e reti.

Lo scopo dell’attività è quello di conferire controllo e struttura ai processi e alle funzioni responsabili di varie operazioni tecniche in ambienti sia fisici che virtuali. 

Inoltre, aiuta anche a ridurre la duplicazione degli sforzi, migliorare il flusso di informazioni, garantire la conformità alle normative del settore, ridurre i costi IT complessivi, aumentare la produttività aziendale e ridurre al minimo i tempi di inattività.

Tutto questo è possibile grazie all’utilizzo di soluzioni di (RMM) Remote Monitoring Management.

Quali sono i vantaggi della gestione dell’infrastruttura IT?

La gestione dell’infrastruttura IT offre una serie di vantaggi per le aziende di ogni ordine e grado:

Prestazioni migliori

Gestire al meglio l’infrastruttura IT di un’azienda significa monitorare sistemi e reti, il che porta a prestazioni più curate e una riduzione delle possibilità di errori e/o interruzioni

L’attività di gestione, inoltre, consente di:

  • rilevare proattivamente le vulnerabilità del sistema in modo da intervenire prontamente per le relative correzioni;
  • eliminare i limiti tecnologici, riducendo così al minimo i tempi di inattività.

Aumento della produttività

Chi investe nella tecnologia per ottimizzare la propria infrastruttura IT, è in grado di conseguire guadagni maggiori in termini di produttività. 

La gestione IT, quindi, aiuta ad automatizzare e semplificare i processi critici o di routine e consente ai tecnici di dedicare più tempo alle attività strategiche.

Flessibilità e agilità

Efficienti soluzioni di gestione IT consentono di ottenere una visione olistica dell’ambiente IT dei propri clienti.

Questo si traduce in una maggior agilità di intervento in caso di problemi.

Customer experience migliore

Con i giusti strumenti di RMM, sei sempre a conoscenza dello stato di salute dell’IT dei tuoi clienti e solo così sei in grado di rendere la loro customer experience più soddisfacente, dato che puoi intervenire ancor prima che loro si accorgono di avere un problema.

Risparmio di tempo e denaro

La gestione dell’infrastruttura IT tramite RMM ti consente di prevedere e affrontare eventuali disastri prima che si verifichino o si aggravino. 

Grazie a questo approccio proattivo, è possibile ridurre significativamente i tempi di inattività oltre che la gravità dell’evento che potrebbe verificarsi e ancora le spese impreviste.

Quali sono le sfide della gestione di un’infrastruttura IT?

La gestione dell’IT è oggigiorno un’attività fondamentale e imprescindibile per ogni azienda.

Nessuno dice che sia semplice, i fornitori di servizi IT come te devono affrontare una serie di sfide per ottimizzarne i risultati.

Di seguito vediamo quali sono alcuni tra gli ostacoli più comuni:

Sistemi e tecnologie obsoleti

La tecnologia evolve a ritmi disarmanti e, per questo motivo, i sistemi diventano obsoleti molto velocemente.

Ecco perché è fondamentale eseguire gli aggiornamenti rilasciati dai vendor con costanza e regolarità.

L’aggiornamento frequente di hardware e software ti aiuterà ad aumentare la produttività, l’efficienza e il vantaggio competitivo rispetto ai tuoi colleghi presenti nel mercato.

Reti e connettività difettose

Altre importanti sfide con la gestione IT sono problemi legati a reti difettose e di connettività scadente.

Nell’era digitale, è fondamentale monitorare continuamente le prestazioni della rete e concentrarsi sul miglioramento della connettività perché senza connettività l’azienda si ferma.

Acquisizione, archiviazione e gestione dei dati

Sempre considerati i tempi moderni, la raccolta e l’acquisizione dei dati sono diventate più semplici rispetto al passato, portando ad una vera e propria “esplosione” degli storage.

Di conseguenza, la gestione di questo enorme volume di dati rappresenta una sfida importante per ogni MSP.

La perdita di dati, dovuta per esempio alla limitata capacità di archiviazione, se accompagnata da una cattiva gestione della rete IT potrebbe rappresentare un costo non indifferente da sostenere per i tuoi clienti.

Appare chiaro come sia di fondamentale importanza progettare una strategia che preveda sia uno spazio di archiviazione dei dati abbastanza capiente, sia una gestione dei dati efficiente.

Limiti di scalabilità

Una delle principali preoccupazioni per gli MSP che, come te, mirano a gestire l’IT in maniera efficace è la scalabilità

Sebbene le aziende siano portate ad evolvere e quindi necessitino di un’espansione del proprio IT, il consumo eccessivo di licenze per alcune soluzioni potrebbe portare a molti sprechi nel caso in cui, viceversa, l’utilizzo effettivo dovesse essere inferiore. 

È necessario quindi integrare un software RMM scalabile per garantire che il sistema sia pronto ad adattarsi prontamente alla crescita di un’azienda.

Quali sono le best practice da seguire per un’ottima gestione dell’infrastruttura IT?

Un’infrastruttura IT ben funzionante ed efficiente è uno degli elementi fondamentali per costruire un’impresa di successo.

Sì, perché tutto poggia sull’IT e senza l’IT nessuna impresa, oggi, può operare.

Vediamo quali sono le best practice da seguire per ottimizzare la gestione di un’infrastruttura IT:

  • Valutazione dell’infrastruttura. Il primo passo è quello di raccogliere quante più informazioni possibili sulla struttura IT da monitorare per capire quali sono le esigenze del tuo cliente, quali sono i suoi processi e come devono funzionare. 
  • Stabilire standard e obiettivi chiari. Sulla base delle informazioni raccolte, è possibile stabilire e creare degli standard gestionali e operativi da implementare. Per farlo è necessario personalizzare le configurazioni in base alle esigenze specifiche delle varie aziende monitorate.
  • Monitoraggio costante e frequente. Il monitoraggio dei processi è fondamentale per garantire che tutto funzioni sempre a dovere e consente di reagire in modo proattivo prima che ci sia qualche problema da risolvere, riducendo così di molto eventuali fermi aziendali.
  • Documentazione accurata. La maggior parte dei fornitori di servizi IT trascurano la documentazione dell’infrastruttura IT, tu non farlo. È un’attività fondamentale come qualsiasi altra. Mantenere una documentazione aggiornata di tutta la struttura IT di un’azienda garantisce che chiunque, anche nuovi colleghi, possano mettersi al passo con il processo di un cliente in modo rapido ed efficiente.

Una soluzione che risponde a tutte le esigenze degli MSP

Fino ad ora abbiamo parlato di definizioni teoriche e concetti. È il momento di mettere le mani in pasta e capire a livello pratico cosa puoi fare per iniziare a mettere in pratica tutto ciò che hai acquisito leggendo questo articolo.

Hai mai sentito parlare di Kaseya?

Si tratta di una potente soluzione RMM che combina le funzionalità di gestione di endpoint e rete, help desk/gestione dei servizi, sicurezza, backup e ripristino di emergenza. Tutto da un unico pannello di controllo.

Se vuoi saperne di più, abbiamo preparato un webinar demo on demand per farti scoprire da vicino la soluzione e le sue caratteristiche.

Clicca qui sotto e…

Guarda il Webinar On Demand

Tratto dal blog di Kaseya

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti