Gli obiettivi di disponibilità nel design di HC3

20 Luglio 2015

In questo post spieghiamo alcuni degli elementi fondamentali del funzionamento di HC3 per capire come questo prodotto riesce a rispondere in maniera specifica ad esigenze lasciate inascoltate dal resto del mercato.

I prodotti HC3 sono stati progettati appositamente per ridurre i costi e la complessità per gli amministratori IT delle PMI che devono far girare le loro applicazioni in maniera altamente disponibile.
Questa è la risposta più semplice, ma diamo un'occhiata più approfondita ai principali vantaggi che sono diventati accessibili anche ai dipartimenti IT più piccoli.


Negli ambienti server fisici ogni applicazione è vincolata a un server fisico e la perdita di quel particolare server porta al fermo dell'applicazione e a una complicata procedura di ripristino. Consolidare numerosi server fisici in pochi server virtuali può far risparmiare denaro ma consolida anche i rischi di downtime facendo finire "tutte le uova nello stesso paniere".

Per risolvere questo rischio, le piattaforme di virtualizzazione sono dotate di funzioni ad alta disponibilità per il failover che richiedono ai vari host di virtualizzazione di condividere uno storage pool esterno comune, che a sua volta deve essere altamente disponibile.

L'architettura di HC3 assicura che i guasti dei dischi e dei nodi di calcolo siano eventi non bloccanti.
Le macchine virtuali e i loro dati sono ridondati con tecniche di mirroring e striping su tutti i nodi del cluster per garantire che, in caso di guasto di un disco, le applicazioni residenti nelle VM restino sempre disponibili con il pieno accesso ai loro dati.

Nel caso in cui diventi indisponibile un intero nodo HC3, tutte le relative VM vengono fatte ripartire rapidamente e automaticamente su un altro nodo HC3 del cluster così da massimizzare la disponibilità applicativa.

Tutto molto interessante, ma come è possibile ottenere tutto questo senza disporre di un piccolo esercito di amministratori IT e specialisti di tecnologia, o senza aggiungere tonnellate di complessità e costi?
Questo è il vero segreto di Scale Computing!
 
(Tratto dal blog di Scale Computing

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Tieniti aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative