Soluzioni tecniche

Il backup gratuito su VMware

12 Aprile 2012

Forse non tutti sanno che è possibile eseguire backup di macchine virtuali che girano su VMware senza dover necessariamente acquistare software commerciali.
La soluzione che proponiamo in questo post probabilmente è un po' per "smanettoni", ma io la trovo interessante.

ghettoVCB, questo il nome della soluzione gratuita, è uno script bash che utilizza un metodo di backup simile al VCB, ossia al VMware Consolidated Backup.

Un esempio del file di configurazione di ghettoVCB

Lo script permette di eseguire il backup di VM residenti su un server ESX(i)3.5 o superiore e supporta il backup su storage locale, SAN e NFS.
Per sua natura lo script non è interattivo, ma può essere schedulato e se si vuole eseguire il backup solo su alcune macchine è possibile redigere un file di testo per elencare i nomi di quelle da includere nel backup.
Dal punto di vista sistemistico, lo script esegue lo snapshot delle macchine virtuali in esecuzione, esegue il backup e al termine elimina lo snapshot.
Nella configurazione iniziale, lo script gestisce una profondità di tre backup della stessa macchina virtuale; questo valore può essere modificato per adattarsi alle varie necessità.
In effetti, come ogni bravo script bash, anche ghettoVCB supporta molti altri parametri per adattare il backup alle proprie esigenze.
Per esempio è possibile:

  • chiedere allo script di spegnere le macchine virtuali, eseguire il backup e quindi riaccenderle;
  • stabilire quante copie di backup tenere;
  • inviare una notifica tramite email dell’avvenuto backup.

Fra le cose degne di nota segnalo la possibilità di lavorare in modalità Dry run: lo script parte come se stesse girando realmente, ma non esegue i backup davvero e ciò è molto comodo per capire se i parametri di configurazione e le azioni che lo script deve intraprendere sono corrette.

E’ possibile far partire ghettoVCB in modalità Dry run

Puoi recuperare tutte le informazioni sulla home page "ufficiale" di ghettoVCB.
Un'ultima cosa: è necessario avere accesso SSH alla macchina ESX e… attenzione a non appesantire troppo l’host, perché sarà lui a far girare tutto lo script!

Tu conoscevi questo sistema per fare i backup delle macchine virtuali?
Se lo hai già provato, raccontaci la tua esperienza!

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (4)
guest
4 Commenti
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Stefano Contato
Stefano Contato
9 anni fa

Ghetto è una delle possibilità per fare un backup se si sta utilizzando una versione free di Vmware ESX/ESXI. Diciamo che ai tempi della 3.5 era decisamente popolare. Oggi ci sono degli strumenti, anche free che consentono di fare il backup delle VM in modo anche più agevole. Chiaramente io tendo a preferire soluzioni più integrate, perchè non pensare alla licenza entry level di vmware che include il backup, il vcenter, alerts… in questo caso il backup insiste su una virtual appliance e non direttamente sull’host.

Claudio Panerai
Claudio Panerai
9 anni fa

Ciao Stefano,

sono d’accordo sul fatto che la licenza entry di VmWare porta tanti vantaggi a fronte di un costo accessibile.
Ti diro’, ho parlato di Ghetto in questo post per due motivi fondamentali: il primo è la quantità elevata di persone che ho scoperto che usano questo strumento e in secondo luogo perché è in ogni caso una soluzione interessante che può "fare cultura".

A presto!

Stefano Contato
Stefano Contato
9 anni fa

Vero hai ragione, molti specialmente di provenienza open-source cercano soluzioni più "custom", ci sono anche dei prodotti free di terze parte per i più pigri…

Ciao

Claudio Panerai
Claudio Panerai
9 anni fa

Io sono d’accordo sul fatto che le soluzioni "custom" siano le migliori da un certo punto di vista perché sono ritagliate perfettamente sulle esigenze.

Di contro pero’ (e l’ho sperimentato più vole nell’arco della mia vita informatica), le cose "custom" hanno dei costi pesantissimi di aggiornamento, modifica e manutenzione, sopratutto in termini di tempo. Quindi personalmente preferisco una cosa standard che qualcun altro debuggherà e aggiornerà 🙂
Ciao