Gestione IT

Kaseya User Group 2017

01 Giugno 2017

Il 18 maggio si sono ritrovati, all’Hotel Michelangelo di Milano, i Managed Service Provider italiani che usano Kaseya – la piattaforma integrata per la gestione dell’IT che permette di gestire tutte le attività in maniera centralizzata e che consente di automatizzare i servizi – per conoscere la roadmap della soluzione, come sfruttarla al massimo per fare sempre più margini, quali sono le responsabilità legali di un IT service provider nel caso in cui presso il cliente scoppi un “casino” vero e tutti quei “segreti” tecnici che possono aiutare l’utilizzo quotidiano della piattaforma.

 

 
Marwin Marcussen, EMEA Sales Engineering Manager di Kaseya, ha aperto le danze con un focus sulla roadmap di Kaseya, ovvero l'evoluzione della piattaforma IT Complete che presenta diverse novità:

  • nuovo modulo di Software Management per VSA con lo scopo di gestire sia il patching del sistema operativo sia l'aggiornamento di applicazioni di terze parti.
  • L’integrazione tra il modulo Live Connect di VSA e AuthAnvil per gestire le autenticazioni nei server.
  • Nella prossima V. 9.6 di VSA, l'inserimento di una protezione antivirus e antimalware per Mac.
  • L'integrazione sempre più evoluta tra BMS (il software "gestionale" sviluppato per gli MSP) e VSA.
  • La possibilità all'interno del modulo AuthAnvil, software per la gestione della sicurezza nell'autenticazione, di fornire diritti amministrativi temporanei agli utenti che si collegano ai PC e ai server, senza dover cambiare manualmente i diritti di ogni utente.
  • L'idea di unire in un'unica interfaccia tutti i moduli della suite IT Complete.

L'insieme dei prodotti Kaseya migliora anche grazie all'aggiunta di un tool per la gestione del cloud pubblico: UNIGMA, un software in grado di fornire un'unica GUI per la gestione e la creazione dei task necessari alla gestione e alla manutenzione delle piattaforme come Azure, AWS e Google Apps.

Dopo una full immersion tra presente e futuro di Kaseya, è stata la volta di Andrea Veca, CEO di Achab, che, attraverso la simulazione di un vero e proprio piano industriale, ha dimostrato ai presenti come erogare servizi IT utilizzando una piattaforma RMM possa fungere da volano per il proprio business. Grazie a uno strumento come Kaseya è possibile seguire più clienti, quindi avere più entrate, e automatizzare operazioni manuali o ripetitive, diminuendo così il carico sui propri tecnici e di conseguenza i costi a vantaggio dei margini. Facile no? 😉
 
Dopo questi interventi e una necessaria pausa caffè, sono saliti sul palco Marco Antonutti e Lorenzo Celussi, rispettivamente Responsabile area tecnica e ICT Specialist di Tinet, per raccontare la loro esperienza con Kaseya grazie alla quale hanno ottenuto vantaggi in termini di proattività, riduzione delle trasferte e centralizzazione dei servizi. “Ad oggi, per mantenere l’IT costantemente allineato alle esigenze di business del cliente, non possiamo più lavorare senza Kaseya!”, dice Tinet.
 
Per concludere la mattinata, l’attesissimo intervento dell’Avv. Alessandra Bisi, che ha suscitato grande interesse nella platea, ha chiaramente sintetizzato le implicazioni legali e l’importanza delle clausole contrattuali per tutelare gli interessi di un IT managed service provider nel caso in cui dal cliente scoppi un vero “casino”.
 
Dopo una buona dose di cibo e di networking, nel pomeriggio sono ripresi i lavori con una full immersion tecnica presieduta da Furio Borsi, uno dei migliori specialisti di Kaseya in Europa, in cui ci si è addentrati negli aspetti più tecnici legati all’uso della piattaforma e durante la quale i partecipanti hanno potuto dare sfogo alla propria indole tecnica, risolvendo casomai quei rompicapo che li tormentavano da tempo.
 
Bilancio positivo dunque… il futuro dell’IT è già qui e si chiama Kaseya.

       

Autore
Cecilia Pirocco
Vogliamo entrare in contatto? Mi trovate su LinkedIn e su Facebook.
Commenti (0)
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti