Backup, DR e business continuity

La business continuity serve anche se non succedono disastri?

06 Gennaio 2017

Oggi parliamo di una storia vera: metto i nomi, ma non i cognomi.
Oggi parliamo di come la business continuity possa servire anche se non succedono dei disastri veri e propri.

Prima dell’estate Emanuele aveva convinto un suo cliente a installare Datto come sistema di business continuity. Il suo cliente aveva un server fisico sopra il quale c’era montato VMware che faceva girare 2 o 3 macchine virtuali: tutte quelle che servivano al suo cliente per far lavorare la sua azienda.

Un bel giorno il controller RAID dei dischi segnala dei "problemi", prontamente intercettati dai tecnici di Emanuele. Dopo aver sentito l'assistenza del produttore del server, si stabilisce che è necessario "un intervento a cuore aperto": occorre cambiare una scheda del server.
E cambiare una scheda interna del server significa spegnere il server…
Quindi fermare le applicazioni…
Quindi fermare l’azienda.
 

Per esperienza, Emanuele sa che anche l'intervento più semplice può richiedere ore e ore e che l’imprevisto è sempre in agguato: per questo motivo decide che è venuto il momento di mettere alla prova Datto, il sistema di business continuity venduto qualche mese prima al cliente.

Si programma il giorno dell’intervento sul server fisico e la sera precedente i tecnici di Emanuele accendono tutti i server all’interno dell’appliance Datto. Il sistema di business continuity, infatti, non solo tiene i salvataggi dei server di produzione, ma è anche in grado di riaccenderli al suo interno grazie a un sistema di virtualizzazione istantanea.

Al mattino il personale inizia a lavorare come se nulla fosse, senza sapere che il server originale è spento: è la soluzione di business continuity che tiene in piedi l’azienda, in questo momento.

Quando arriva il tecnico per cambiare la scheda al server si scopre che l’operazione non è così semplice come si pensava all’inizio e le cose vanno per le lunghe.

Senza stare a riportare i dettagli tecnici dell’intervento, alla fine è successo che il server originale è rimasto spento 3 giorni (!). Quando è tornato operativo, i tecnici hanno aspettato la fine dell’orario di lavoro del personale e in 3 semplici mosse hanno spostato i server dal sistema di business continuity al server di produzione originale.

Grazie alla lungimiranza di Emanuele nell’implementare un sistema di business continuity (nonchè alla fiducia che il cliente ha riposto in lui) l’azienda non ha perso nemmeno un'ora di lavoro!

Cosa ci si porta a casa da questa vicenda?
Che la business continuity oggigiorno non è un lusso, ma una necessità per ogni azienda, non solo per gestire "i disastri" che (per fortuna) non avvengono tutti i giorni.

Vuoi sapere di più sulle soluzioni di business continuity Datto?
Ti suggerisco un interessante white paper che puoi scaricare da questo sito: clicca il bottone qui sotto.

Scarica il white paper
 

Autore
Gabriele Palumbo
Nasco a Bologna ma ho vissuto l’infanzia in Piemonte, l’adolescenza in Puglia e la maturità tra Umbria, Toscana, Puglia, Emilia-Romagna e Lombardia (e non è ancora finita). Ho avuto quindi modo di entrare in contatto con diversi ambienti e contesti sociali. Una formazione umanistica (Sociologia della devianza a Perugia e Relazioni Internazionali a Pisa), passione per la scrittura e decine di corsi sul mondo digital sono state ottime basi per entrare nel campo del marketing e della comunicazione. Nel 2015 pubblico il romanzo breve “Ci siamo solo persi di vista” e, a inizio 2019, pubblico la biografia della rock band “Ministri”, entrata in poche ore nei Top Sellers di Amazon. Un romanzo è in fase di scrittura. Terminati gli studi entro attivamente nel mondo della musica, organizzando svariati concerti e un festival, e della comunicazione digitale, gestendo la linea editoriale di blog e social e ricoprendo ruoli di copywriter e content editor. Nel 2017 entro nel collettivo Dischirotti. occupandomi dei contenuti web, mentre il 2018 mi vede prima nell’agenzia FLOOR concerti come booking agent per svariati artisti e poi in VOX concerti come direttore di produzione. Tornato a Bologna inizio a collaborare con l’etichetta discografica Manita Dischi come project manager e svolgo un tirocinio presso l’agenzia di marketing e comunicazione digitale Engine Lab, nel ruolo di content editor. Dal 2020 al 2023 ho collaborato, sia come editor che come contributor, con Fantastico.esclamativo, newsletter letteraria e rivista culturale creata da Alberto Guidetti de Lo Stato Sociale. Ogni due sabati invio “Capibara”, una newsletter che tratta di attualità e meme in un progetto che, occasionalmente, porto anche dal vivo sotto forma di Stand-Up. Attualmente ricopro il ruolo di Channel Marketing Manager in Achab, con particolare focus su contenuti editoriali, analytics, marketing automation e CMS.
Commenti (0)
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti