Business

Le 6 principali sfide per gli MSP e come affrontarle

16 Novembre 2023

Diventare un Managed Service Provider di successo non è una passeggiata. Gli ostacoli da superare sono innumerevoli, ma non puoi permetterti di rimanere bloccato da un singolo ostacolo. Se lo fai, ne arriverà un altro a coglierti di sorpresa.

Detto questo, definire i problemi rende più facile risolverli.

Ecco perché in questo articolo voglio mostrarti sei delle principali sfide che, da buon MSP, incontrerai.

Sfida #1 – Sicurezza

Iniziamo con una delle preoccupazioni più critiche per ogni MSP. La gestione dei rischi per la sicurezza richiede più di un semplice sforzo. È qui che bisogna lavorare in modo più intelligente, non solo più duro. Se le minacce alla sicurezza fossero prevedibili, non sarebbero un problema. In altre parole, la tua posizione nei confronti delle minacce deve adattarsi a sfide uniche e in continua evoluzione.

Soluzione: costruisci una buona strategia di sicurezza

Un modo eccellente di gestire la sicurezza è quello di basarsi su un framework collaudato e aggiornare tutte le misure di sicurezza. Questo non significa che devi aggiornare tutto in una volta, ma che devi avere una buona strategia per mantenere le cose aggiornate regolarmente.

Per superare questa sfida, è necessario sviluppare una solida strategia di cybersecurity. Ecco un elenco dettagliato di ciò che la tua strategia può includere:

  • Mantenere i sistemi aggiornati: mantieni il software e i sistemi completamente aggiornati. Puoi investire nella gestione delle patch o in una soluzione di sicurezza gestita.
  • Controllare l’accesso: esegui valutazioni regolari della sicurezza e implementa metodi di autenticazione e controlli di accesso solidi. Non dimenticare di proteggere anche i sistemi fisici. Che ci creda o no, uno degli attacchi che puoi ricevere sui sistemi può essere fisico.
  • Gestione delle password: inutile dire che avere la stessa password per ogni cosa è molto pericoloso.
  • Backup dei dati: esegui backup onsite, offsite e nel cloud per essere sicuro di poter sfruttare più fonti per recuperare senza problemi i dati persi. Leggi questo articolo per alcune strategie di backup efficaci.
  • Formazione dei dipendenti: devi formare regolarmente il personale a riconoscere i potenziali rischi per la sicurezza e i vari segnali di attacchi informatici. La formazione, la definizione di best practice e la simulazione di risposte ai rischi sono tutte idee valide.  Ricorda che i dipendenti che lavorano in un ambiente di lavoro ibrido o remoto sono esposti a un numero ancora maggiore di minacce alla sicurezza.

Per una strategia di sicurezza Multi-level, ti consiglio questo articolo.

Sfida #2 – Offerta

L’MSP deve differenziarsi, ma vuole rivolgersi a un’ampia base di clienti. Come si può trovare un equilibrio efficace?

Soluzione: rivolgiti alle persone giuste per vendere la tua offerta migliore

Inizia con l’individuare il tuo pubblico. Decidi quale sia il tipo di cliente ideale che il tuo modello di MSP può servire al meglio. Impara dai successi con i clienti passati per evidenziare i punti di forza vendibili e sviluppare un portfolio solido.

Dovrai anche impegnarti in una gestione proattiva dei costi. I margini degli MSP dipendono da canoni solidi e ricorrenti, quindi è necessario identificare le fonti di reddito redditizie. Se non sei sicuro delle tue spese, questo è il momento di implementare pratiche di monitoraggio top-down.

Infine, è necessario sapere come posizionarsi e costruire la redditività della tua azienda. La riduzione dei costi e l’upselling sono entrambi modi utili per rendere più attraente la tua offerta. Dovrai conoscere tutte le reti indipendentemente dal tuo percorso, quindi il monitoraggio è fondamentale.

Ma quali sono i tre pilastri di un MSP redditizio? Ne parliamo in questo articolo.

Sfida #3 – Complessità Crescente

La tecnologia avanza, ma questo non rende necessariamente la vita più facile. La comodità dell’hardware plug-and-play è fantastica per gli utenti, ma complica le reti e, quindi, il lavoro degli MSP.

L’Internet of Things è composto da miliardi di dispositivi, che crescono a un ritmo incalzante. Questi sistemi differiscono l’uno dall’altro, il che significa che è necessario un quadro di integrazione unificante. Come MSP, tuttavia, non puoi costringere i clienti a collaborare. Le persone vogliono la libertà di collegare qualsiasi dispositivo secondo le topologie che preferiscono.

Queste realtà significano che devi gestire ogni nuova tecnologia in modo intelligente.

Soluzione: automatizza di più

Una soluzione intelligente consiste nell’utilizzare l’automazione per gestire le specificità. Ad esempio, gli strumenti che rilevano i diversi sistemi operativi ed eseguono le corrette scansioni di sicurezza fanno risparmiare tempo. L’automazione dell’onboarding dei clienti riduce inoltre al minimo l’attrito e aiuta gli utenti a stabilire sane abitudini. Potrebbe essere necessario implementare strumenti di test di automazione, strumenti di Professional Service Automation (PSA) o uno strumento di Network Management come Domotz.

Vuoi saperne di più sui Professional Services Automation? Leggi questo articolo.

Business Team

Sfida #4 – Fidelizzazione dei clienti

I comportamenti e le aspettative dei clienti si evolvono con la stessa velocità della tecnologia. Questo rende la fidelizzazione una sfida, perché bisogna “colpire” un bersaglio in movimento.

Soluzione: ricerca, analisi e applicazione

Prevedere le tendenze e fare ricerche di mercato sono ottime mosse. Ma guardare all’esterno è solo metà dell’opera. È importante anche imparare dai clienti esistenti. È necessario scoprire:

  • Dove hai successo. Perché i clienti restano con te? In che modo queste caratteristiche ti differenziano dalla concorrenza? Esplorare i successi può farti capire dove concentrare gli sforzi.
  • Cosa stai sbagliando? Quali sono i punti dolenti più significativi dei tuoi servizi attuali? Imparare a capire come i clienti risolvono i problemi può essere utile per cercare una soluzione.
  • Chi sono i tuoi clienti? Chi prende le decisioni di acquisto nelle aziende che servi? Quali tipi di clienti preferiscono i tuoi servizi? Questi fattori definiscono le tue buyer personas ideali.

Solo dopo aver risposto a queste domande fondamentali potrai affrontare il tema della fidelizzazione dei clienti. Ricorda che non si tratta di fornire nuove funzionalità, ma di soddisfare le esigenze del mondo reale.

Una buon modo per soddisfare i clienti è avere un servizio SLA, ma cos’è? Ne parliamo qui.

Sfida #5 – Costo del lavoro elevato e carenza di dipendenti

I datori di lavoro devono attualmente affrontare un mercato difficile. I lavoratori chiedono benefit e compensi migliori e spetta a te soddisfarli. La carenza di talenti IT è un problema che deve essere affrontato con una buona strategia.

Soluzione: sviluppa una cultura IT aziendale

Tratta il team con la stessa cura che riservi ai tuoi clienti. Mantieni canali di comunicazione aperti che consentano loro di esprimere le proprie preoccupazioni. Consentendo ai dipendenti di prendere parte in modo proattivo alla crescita aziendale, li aiuterai a sentirsi più coinvolti. Inoltre, aumenterai la loro motivazione e soddisfazione. Un’altra cosa che puoi fare è fornire un feedback: incoraggiali quando ottengono buoni risultati e fornisci istruzioni chiare su dove possono migliorare. Imparerai anche ad attirare i talenti con ruoli più gratificanti.

Decidere quali Key Performance Indicator (KPI) considerare è molto importante, in questo articolo abbiamo visto i più importanti.

Sfida #6 – Il marketing

Il tuo marketing deve stare al passo con la tua crescita. Allo stesso tempo, deve rimanere fedele alla visione e missione aziendale. Questo può essere difficile da realizzare perché più grande è l’organizzazione, più difficile è muoversi all’unisono.

Soluzione: c’è sempre spazio per migliorare il marketing

Gli acquirenti B2B di oggi preferiscono utilizzare un mix omogeneo di canali marketing. Perché non essere all’altezza della situazione adottando un approccio omnicanale? Integra o costruisci un sistema di comunicazione che unisca le esperienze dei clienti. Qualunque sia il modo in cui qualcuno si rivolge al tuo marchio, deve essere senza soluzione di continuità.

Ecco alcuni suggerimenti per costruire una strategia di marketing di successo:

  • Specializzazione: concentrati su servizi di nicchia per rivolgerti efficacemente a un pubblico specifico.
  • Content Marketing: crea contenuti informativi per mostrare la tua competenza.
  • Ottimizzazione SEO: ottimizza la presenza online per i motori di ricerca.
  • Testimonianze dei clienti: presentare i clienti soddisfatti per creare fiducia.
  • Social media: impegnati sulle piattaforme dove i clienti sono attivi.
  • Campagne email: invia contenuti personalizzati per coltivare i contatti.
  • Networking: partecipa agli eventi del settore e unisciti alle comunità di riferimento.
  • Partnership: collabora con aziende complementari per ottenere referral.
  • Monitoraggio del ROI: analizza i risultati marketing per affinare le strategie.
  • Coerenza: mantieni un’immagine coerente del marchio su tutti i canali.

Cosa deve fare, quindi, un MSP per una strategia di marketing efficace? L’abbiamo visto in questo articolo.

Conclusione

Gli MSP si trovano in una posizione unica. A differenza di altre aziende IT, non puoi limitarti a soddisfare i clienti. Devi anche aiutarli a soddisfare i loro utenti finali. Analizzare i tuoi processi operativi con il network monitoring è un ottimo modo per migliorare.

Ma non è sempre facile: se non si conosce la rete del cliente, se non si sa come è fatta la topologia, se non si conoscono tutti gli apparati, se non si sa quale PC è collegato a quale switch, come si può pretendere di risolvere (o magari anticipare) i problemi del cliente?

Domotz è uno strumento che fa al caso tuo perché strizza l’occhio agli MSP ed è semplice, flessibile e a portata di click: ne abbiamo parlato in un webinar on demand.

Guarda il Webinar On Demand

Fonte: blog di Domotz

Autore
Gabriele Palumbo
Nasco a Bologna ma ho vissuto l’infanzia in Piemonte, l’adolescenza in Puglia e la maturità tra Umbria, Toscana, Puglia, Emilia-Romagna e Lombardia (e non è ancora finita). Ho avuto quindi modo di entrare in contatto con diversi ambienti e contesti sociali. Una formazione umanistica (Sociologia della devianza a Perugia e Relazioni Internazionali a Pisa), passione per la scrittura e decine di corsi sul mondo digital sono state ottime basi per entrare nel campo del marketing e della comunicazione. Nel 2015 pubblico il romanzo breve “Ci siamo solo persi di vista” e, a inizio 2019, pubblico la biografia della rock band “Ministri”, entrata in poche ore nei Top Sellers di Amazon. Un romanzo è in fase di scrittura. Terminati gli studi entro attivamente nel mondo della musica, organizzando svariati concerti e un festival, e della comunicazione digitale, gestendo la linea editoriale di blog e social e ricoprendo ruoli di copywriter e content editor. Nel 2017 entro nel collettivo Dischirotti. occupandomi dei contenuti web, mentre il 2018 mi vede prima nell’agenzia FLOOR concerti come booking agent per svariati artisti e poi in VOX concerti come direttore di produzione. Tornato a Bologna inizio a collaborare con l’etichetta discografica Manita Dischi come project manager e svolgo un tirocinio presso l’agenzia di marketing e comunicazione digitale Engine Lab, nel ruolo di content editor. Dal 2020 al 2023 ho collaborato, sia come editor che come contributor, con Fantastico.esclamativo, newsletter letteraria e rivista culturale creata da Alberto Guidetti de Lo Stato Sociale. Ogni due sabati invio “Capibara”, una newsletter che tratta di attualità e meme in un progetto che, occasionalmente, porto anche dal vivo sotto forma di Stand-Up. Attualmente ricopro il ruolo di Channel Marketing Manager in Achab, con particolare focus su contenuti editoriali, analytics, marketing automation e CMS.
Commenti (0)
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti