Soluzioni tecniche

L’IT ai tempi dell’AI

27 Dicembre 2023

Nell’era digitale odierna, assistiamo a una fusione sempre più stretta tra l’IT e l’intelligenza artificiale (AI): una convergenza destinata a ridefinire radicalmente le dinamiche operative e strategiche delle aziende e in particolar modo dei Managed Service Provider.

In questo contesto, esploriamo dettagliatamente come l’AI stia cambiando il volto dell’IT, concentrando l’attenzione su ambiti emergenti come l’AIOps, la generazione di contenuti assistita dall’AI e altre applicazioni innovative.

AIOps: un Nuovo Approccio alla Gestione IT

L’AIOps, acronimo di AI per le operazioni IT, rappresenta una vera e propria svolta nella gestione delle reti e dei sistemi informatici. Per gli MSP, questo significa sfruttare un’opportunità senza precedenti per automatizzare e ottimizzare le operazioni IT, dall’osservazione attenta delle reti alla risoluzione rapida e automatica di eventuali problematiche.

Con la capacità di predire e prevenire incidenti IT, l’AIOps analizza vasti dataset per individuare schemi che anticipano guasti o problemi imminenti. L’automazione delle risposte agli eventi IT comuni diventa la chiave per ridurre i tempi di inattività e migliorare l’efficienza operativa. Inoltre, l’AIOps consente una personalizzazione e una scalabilità mai viste prima, permettendo agli MSP di adattare le soluzioni alle esigenze specifiche di ciascun cliente.

Generazione di contenuti guidata dall’AI

L’AI sta rivoluzionando il processo di generazione di contenuti, elemento fondamentale sia per gli MSP internamente che nelle offerte ai clienti.

Pensiamo semplicemente alla necessità di documentazione procedurale costantemente aggiornata: l’AI può analizzare i dati operativi e fornire dinamicamente nuove versioni a ogni aggiornamento.

Strumenti basati sull’IA inoltre semplificano la creazione di immagini e presentazioni, accelerando il processo e migliorandone la qualità complessiva. La documentazione tecnica e la reportistica diventano più efficienti, garantendo precisione e uniformità.

Inoltre, la generazione di contenuti AI consente agli MSP di offrire una gamma di materiali altamente personalizzati, migliorando l’interazione e l’esperienza utente per la clientela.

Vulnerability assessment

AI per la sicurezza IT e la conformità normativa

Nel contesto della sicurezza IT, l’AI emerge come un alleato potente per le aziende e per gli MSP in primis.

L’AI permette un approccio proattivo alla sicurezza, perché è in grado di analizzare modelli di traffico in tempo reale, identificando potenziali minacce prima che si trasformino in violazioni. La capacità di rilevare anomalie e schemi sospetti consente di anticipare e mitigare rischi, migliorando la reattività delle difese informatiche. Questa analisi non si limita solo alla rilevazione di minacce già note, ma può anche individuare comportamenti anomali che potrebbero indicare nuovi tipi di attacchi o vulnerabilità.

Un aspetto cruciale è la capacità dell’AI di mettere in relazione dati eterogenei. Non solo analizza il traffico di rete, ma può anche correlare informazioni provenienti da varie fonti, come registri di sistema, dati di accesso e attività degli utenti. Questa capacità di collegare diversi elementi fornisce una visione più completa e contestuale delle attività potenzialmente pericolose, migliorando la precisione delle analisi e riducendo il rischio di falsi positivi o negativi.

Parallelamente, gli strumenti basati sull’AI potranno giocare un ruolo cruciale nella gestione della conformità normativa, automatizzando il processo di raccolta e analisi dei dati necessari per conformarsi a regolamenti e standard specifici del settore. Questo non solo semplifica notevolmente il lavoro degli MSP e delle aziende, ma riduce anche il rischio di errori umani associati alla gestione manuale di requisiti normativi complessi.

Inoltre, l’AI può adattarsi dinamicamente alle evoluzioni normative, aggiornando i modelli analitici e le procedure automatiche per garantire la conformità continua. Questa flessibilità è particolarmente preziosa in un contesto normativo in costante cambiamento, consentendo alle organizzazioni di rimanere conformi senza dover apportare manualmente modifiche costose e complesse ai loro processi di sicurezza e conformità.

AI nel supporto e nella gestione clienti

L’adozione dell’AI in ambito gestione dei clienti e del supporto consente di trasformare le relazioni aziendali e quindi il modo in cui gli MSP gestiscono i rapporti con la clientela.

I chatbot e l’assistenza basata sul intelligenza artificiale generativa forniscono un supporto clienti immediato e 24/7, alleggerendo il carico di lavoro del personale e aumentando la soddisfazione del cliente.

L’analisi predittiva consente poi di anticipare le esigenze dei clienti, offrendo soluzioni personalizzate e contribuendo alla fidelizzazione.

Inoltre analizzando lo storico delle interazioni e delle richieste di supporto dei clienti, l’AI può individuare aree di necessità non immediatamente visibili senza una visione d’insieme.

Innovazione = Successo

L’integrazione dell’AI nelle operazioni IT si configura come una frontiera essenziale per tutte le aziende, ma ancor di più per gli MSP che spesso fungono da traino all’implementazione di nuove tecnologie nell’IT delle aziende. Offrendo vantaggi tangibili in termini di efficienza operativa, qualità del servizio, sicurezza, conformità normativa e soddisfazione del cliente, gli MSP che abbracciano proattivamente queste tecnologie saranno meglio posizionati per prosperare in un panorama IT in continua evoluzione.

Inoltre, l’ingresso dell’AI nell’operatività quotidiano fa sì che gli MSP possano fornire nuovi servizi basati appunto su intelligenza artificiale. Sono già fioriti diversi nuovi servizi impensabili fino a prima del novembre 2023, come il Prompt Manager, ossia un consulente specializzato nell’ottenere informazioni più complete possibile dall’AI utilizzando metodi avanzati di generazione di quesiti da porre all’AI generativa.

Un altro ambito da non sottovalutare, poi, è la richiesta di corsi legati proprio agli aspetti di cui si è parlato in questo articolo: interagire con l’AI in modo efficace ha delle regole, quindi prepariamoci a un aumento delle richieste in questo senso man mano che la consapevolezza dell’Intelligenza Artificiale si espande nel lavoro e nella società.

Autore
Furio Borsi
Si appassiona al mondo digitale fin da bambino, con il glorioso Commodore 64, sul quale si diverte a scrivere semplici programmi in Basic e modificare giochi. Nel 1990 riceve in regalo il suo primo PC (i386), seguito un paio d'anni dopo da un i486dx. In questi anni affina le sue attitudini al problem solving, scassando hardware e software e divertendosi a rimetterlo a posto. ;) Diventa così "quello che se ne capisce" per i suoi familiari e amici, arrivando a collaborare con alcuni studi professionali per la gestione del parco macchine e dei server Windows. Finito il liceo, studia DAMS con indirizzo multimediale a Bologna e Imperia. Nel 2002, dopo un anno sabbatico a Londra, lavora come sviluppatore junior in un'azienda che produce software per database territoriali in ambito Pubblica Amministrazione. In questo periodo si avvicina con passione a problematiche sistemistiche e di network management su reti estese. Nel 2007 entra a far parte dello staff di Achab, per cui si occupa di formazione e supporto, in particolare riguardo agli RMM e dei prodotti di sicurezza (firewall, AV, VA), e gestione del parco macchine e della rete, portando innovazione nell'azienda.
Commenti (0)
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti