Cybersecurity

Oltre 4 milioni di virus per il mobile: come difendersi

26 Marzo 2015

Il malware e i virus per dispositivi mobili come smartphone e tablet stanno crescendo a dismisura.


In un recente articolo pubblicato su Tom’s Hardware si parla addirittura di più di 4 milioni di malware specificamente studiati per il mobile.


L'articolo su Tom's Hardware

E se i virus per Android la fanno da padrone, anche gli utenti iOS non possono dormire sonni tranquilli.

Il problema è che quello che noi spesso installiamo credendo sia un’app innocua, se non proprio un virus spesso e volentieri è un veicolo pubblicitario o un veicolo per estrarre dati dal telefono e spedirli a malintenzionati.

Quindi il problema è classificare la "qualità" delle app che andiamo a installare

Come fare quindi in un’azienda a sapere se sugli smartphone del personale ci sono app lecite o app dannose?
O meglio come fare a scoprire la qualità delle app che hanno installato i dipendenti?

La Mobile Protection di Webroot permette agli amministratori di verificare le app installate su uno smartphone e verificarne il livello di qualità o meglio verificarne la "reputazione".

Quindi quello che un amministratore di rete deve fare è rilevare sui telefonini le app che sono sospette e chiedere agli utenti di rimuoverle, per la sicurezza di tutti.
 
All’interno della console per gestire i dispositivi mobili appare una voce: "Device Apps".


Device Apps

Scendendo all’interno della voce in questione compare una tabella.


 
All’interno della tabella è immediato verificare se su quello specifico dispositivo sono installate app "sospette" o addirittura "dannose".
Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti