Business, Cybersecurity, Gestione IT

Qual è la differenza tra un MSP e un MSSP?

28 Aprile 2022

La principale differenza tra un fornitore di servizi gestiti (MSP) e un fornitore di servizi di sicurezza gestiti (MSSP) è facile da individuare: è il fattore “sicurezza”.

Mentre gli MSP stanno aumentando sempre più le proprie aree di competenza e di azione, un MSSP fornisce un livello elevato di competenza e servizio ristretto alla sicurezza informatica, tramite un monitoraggio costante e l’utilizzo di strategie di sicurezza proattive.

Comprendere la differenza tra un MSP e un MSSP può aiutare i tuoi clienti a selezionare le risorse necessarie alla propria azienda, aiutando, inoltre, gli MSP come te a capire che livello di servizio di sicurezza informatica possono offrire prima di consigliare i servizi di un MSSP.

Che cos’è un Managed Security Service Provider (MSSP)?

Un MSSP è un’azienda che fornisce servizi di sicurezza, software o competenze in outsourcing ad altre aziende. Gli MSSP forniscono le loro alte competenze in termini di cybersecurity alle aziende che preferiscono esternalizzarne la gestione.

La scelta di lavorare con un MSSP è spesso un‘integrazione o un’alternativa di un SOC (Security Operation Center) interno. Le aziende potrebbero scegliere di esternalizzare a un MSSP perché non possono impiegare il proprio SOC interno, in quanto non possiede le giuste competenze informatiche. Inoltre, le aziende in settori altamente regolamentati come quello bancario e sanitario si affidano all’esperienza dell’MSSP per garantire che la loro rete sia sicura e conforme.

Di solito i servizi dell’MSSP includono approcci proattivi come un firewall gestito, la configurazione e gestione di VPN e antivirus, il monitoraggio e gli avvisi di eventi, funzionalità di rilevamento e prevenzione delle minacce e risposta agli incidenti. Possono inoltre aiutare i propri clienti a identificare e reagire a una violazione della sicurezza informatica.

In che modo un MSSP è diverso da un MSP?

Sia gli MSP che gli MSSP sono fornitori di servizi, ma svolgono ruoli molto diversi.

Sebbene molti MSP stiano ampliando le proprie capacità in termini di sicurezza informatica, il loro obiettivo principale rimane quello di supportare le esigenze IT dei propri clienti. Si potrebbe dire che il pane quotidiano dell’MSP è la gestione IT, mentre quello dell’MSSP è la sicurezza.

Con la sicurezza al centro della mente dei clienti, molti MSP includono servizi di cybersecurity come firewall, protezione degli endpoint e filtro della posta elettronica: questo sta consentendo agli MSP di migliorare la posizione di sicurezza dei loro clienti, ma la protezione completa è ancora lontana.

L’MSSP deve fornire ai clienti protezione e disponibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per combattere le violazioni attraverso un rilevamento rapido; qualcosa che la maggior parte degli MSP non può fare a causa delle risorse e dell’esperienza limitate. L’MSSP è in grado di offrire questo costante impegno grazie al personale e alle competenze del SOC, mentre un MSP dovrebbe essere davvero molto strutturato per poter offrire questo servizio.

C’è anche una via di mezzo nota come MSP+: si tratta di un MSP che fornisce i classici servizi ma ponendo maggiore enfasi sulla cybersecurity. Un MSP+ può offrire soluzioni di sicurezza più avanzate rispetto a un semplice MSP, ma non offre impegno costante e non possiede le competenze complete di un MSSP.

È vero che alcune aziende che hanno iniziato come MSP sono state in grado di passare a MSSP o a MSP+, ma ciò richiede ben più che un nuovo software o un servizio di sicurezza per poter garantire una protezione informatica completa e su vasta scala.

Non si tratta di scegliere l’uno o l’altro

Il confronto tra MSP e MSSP può essere fuorviante, perché le aziende non devono necessariamente scegliere l’uno o l’altro. Spesso, questi fornitori lavorano di concerto tra loro.

Le aziende possono decidere da dove cominciare valutando il loro attuale fornitore, considerando le loro esigenze di sicurezza informatica e assegnando di conseguenza la priorità al loro budget.

Gli MSSP sono nati dalla crescente necessità di strategie di cybersecurity avanzate. Quando gli MSP tradizionali si sono resi conto che non potevano soddisfare la domanda dei loro clienti per una protezione costante, ecco che sono giunti gli MSSP. Diverse aziende offrono servizi sia MSP che MSSP, consentendo ai clienti di sfruttare i vantaggi di entrambi i servizi.

Le competenze che MSP e MSP+ devono fornire

Come detto, ci sono gli MSSP che offrono il pacchetto completo di sicurezza informatica, ma anche gli MSP devono essere in grado di capire le esigenze di sicurezza dei propri clienti.

Gli MSP interessati ad aumentare le loro offerte di sicurezza possono iniziare migliorando le competenze dei dipendenti attraverso corsi di formazione o certificazioni dedicate. Alcune aree su cui concentrarsi per costruire le basi della propria offerta di sicurezza sono i framework, gli standard di settore e le best practice per la valutazione del rischio.

Gli MSP che hanno già competenze di sicurezza avanzate possono migliorarle concentrandosi sul SecOps, l’unione tra sicurezza IT e operazioni IT, e sui framework di sicurezza informatica.

Inizia con una valutazione del rischio informatico

Gli MSP possono accrescere le proprie conoscenze in termini di cybersecurity fornendo, al contempo, un valore maggiore ai clienti mediante una valutazione del rischio informatico.

Questa valutazione dovrebbe includere:

  • una revisione del programma sulla privacy per determinare in modo proattivo se il cliente sta gestendo e archiviando correttamente i propri dati;
  • una valutazione del programma di sicurezza che verifica la consapevolezza del cliente sulle minacce alla sicurezza informatica e le basi di sicurezza esistenti, come l’autenticazione a più fattori (MFA) e gli inventari delle risorse digitali;
  • una revisione della suite di strumenti utilizzati dal cliente per i processi di sicurezza, come firewall e software EDR (Endpoint Detection and Response);
  • una panoramica del rafforzamento del sistema per ottimizzare le impostazioni e rimuovere le vulnerabilità non necessarie;
  • una valutazione della vulnerabilità per definire e prevenire le lacune nella infrastruttura del cliente;
  • un piano di risposta agli incidenti che funge da piano di attacco in seguito a una sospetta violazione.

Sebbene questi passaggi non forniscano ai clienti strategie di sicurezza informatica su vasta scala, aumenteranno di molto il valore che qualsiasi MSP gli può fornire.

Gli MSSP forniscono competenze all’avanguardia

È vero che i moderni MSP stanno migliorando rapidamente le loro offerte di sicurezza, ma danneggerebbero la loro attività o metterebbero a rischio i loro clienti se cercassero di offrire più di quanto possono veramente gestire. Quando si tratta di fornitori di terze parti, la sicurezza informatica su vasta scala dovrebbe essere lasciata all’MSSP.

Per ricapitolare, le differenze principali tra questi fornitori sono:

MSPMSSP
Il focus primario è la gestione dell’IT e delle performanceIl focus primario è la cybersecurity
Fornisce amministrazione, IT, e alcuni servizi di cybersecurityFornisce servizi di cybersecurity ogni giorno e a ogni ora
Spesso collabora con clienti IT e con team OpsSpesso collabora con esperti di sicurezza interni grazie al loro SOC

Il ruolo degli MSP nella gestione dell’IT, nel monitoraggio remoto e nelle performance offre un enorme valore ai propri clienti. Un MSP+ può migliorare queste offerte con alcune fondamentali strategie e competenze di sicurezza informatica, mentre l’MSSP ha un focus completamente orientato alla sicurezza.

Fonte: blog di ConnectWise

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti