Soluzioni tecniche

Skype: controllare lo stato online su tutte le istanze connesse

31 Marzo 2015

Capita a volte che i nostri contatti Skype ci cerchino e poi si lamentino che non abbiamo risposto.

“Risultavi online”, “Eri giallo” (Assente, ossia connesso ma non davanti al PC)…
 
Può infatti succedere che una delle istanze di Skype che lanciamo sui nostri PC, tablet, smartphone resti connessa a nostra insaputa, e dia informazioni sul nostro stato online diverse dal vero.
 

Skype


Per evitare equivoci, Skype ci mette a disposizione un paio di comandi chat specifici.
Per verificare quanti e quali client risultino connessi col nostro profilo, basta aprire una qualunque finestra di chat e digitare:

/showplaces

Una volta premuto Invio, vedremo una lista dei client connessi, locali e remoti.

You have 2 online endpoints:

  {9669ba7e-6ec9-2c18-6277-229fb59ce72c} ‘PCFurio' (Windows Skype)
  {93b12da8-f95f-85f6-dcec-46958ba9ca84} 'localhost' (Android Skype)

Come si può vedere, ci sono due endpoint connessi: uno è il PC dal quale sto scrivendo, mentre l’altro è un terminale Android.

Se vogliamo poi essere sicuri che la nostra connessione attuale sia l’unica realmente attiva, possiamo usare il comando:

/remotelogout

Questo comando infatti disconnette automaticamente tutte le istanze esclusa quella corrente.
Blocca inoltre le notifiche push per tutte le altre istanze. 

Se la pressione del tasto Invio sembra non avere effetto, non preoccupiamoci.
Il comando è stato eseguito lo stesso.
Infatti, se adesso eseguiamo di nuovo il comando /showplaces:


You have 1 online endpoint:
  {9669ba7e-6ec9-2c18-6277-229fb59ce72c} 'PCFurio' (Windows Skype)


Queste informazioni ti sono state utili?

 
Autore
Furio Borsi
Si appassiona al mondo digitale fin da bambino, con il glorioso Commodore 64, sul quale si diverte a scrivere semplici programmi in Basic e modificare giochi. Nel 1990 riceve in regalo il suo primo PC (i386), seguito un paio d'anni dopo da un i486dx. In questi anni affina le sue attitudini al problem solving, scassando hardware e software e divertendosi a rimetterlo a posto. ;) Diventa così "quello che se ne capisce" per i suoi familiari e amici, arrivando a collaborare con alcuni studi professionali per la gestione del parco macchine e dei server Windows. Finito il liceo, studia DAMS con indirizzo multimediale a Bologna e Imperia. Nel 2002, dopo un anno sabbatico a Londra, lavora come sviluppatore junior in un'azienda che produce software per database territoriali in ambito Pubblica Amministrazione. In questo periodo si avvicina con passione a problematiche sistemistiche e di network management su reti estese. Nel 2007 entra a far parte dello staff di Achab, per cui si occupa di formazione e supporto, in particolare riguardo a Kaseya, e gestione del parco macchine e della rete.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.