Un file server… fuori dall’azienda

03 Settembre 2013

Davide ha un’azienda nella quale lavorano una dozzina di persone.
Come tutti deve condividere con i colleghi progetti, documenti, idee, piani, presentazioni.

Il classico file server in azienda inizia ad andargli stretto

I file residenti nelle cartelle condivise del file server non sono mai aggiornati e allineati con quelli presenti sui portatili.
L’accesso da smartphone non è agevole, per non dire impossibile.
E quello ai dati aziendali da remoto è possibile solo tramite VPN.

Davide vorrebbe una soluzione per eliminare il file server e far lavorare tutti con la massima sicurezza e libertà.
Per questo, decide di provare PowerFolder e se ne innamora subito.

Elimina il file server aziendale in favore di un server in the cloud: bassi costi e alta affidabilità garantita.
PowerFolder viene installato in una partizione criptata con BitLocker per cui i dati sono al sicuro.
L’insieme dei file da gestire ammonta a oltre 40 GB, ma PowerFolder non fa un piega: carica, scarica, sincronizza e aggiorna in tempo reale e senza perdere un colpo. Su tutte le piattaforme.

Sì, perché Davide usa Windows, Linux, tablet e smartphone.
E per lavorare in totale sicurezza sui client, i dati cono cifrati con TrueCrypt in modo che se si dovesse smarrire un notebook i dati sarebbero inaccessibili a occhi indiscreti, e per tornare operativi basterebbe ricomprare il PC e installare PowerFolder.

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti