Business

Una nuova sfida per l’IT: il BYOD

12 Gennaio 2012

Nel 2010 Gartner, leader mondiale nella ricerca sull'IT, aveva incluso tra le sue otto top predictions il fatto che entro il 2014 il 90% delle aziende avrebbe aderito al cosiddetto BYOD (Bring Your Own Device): l'adozione per uso aziendale di dispositivi di proprietà del dipendente.
Sebbene questa prassi non sia ancora del tutto conosciuta, si prevede un aumento della diffusione nel 2012, che comporterà nuove sfide per le aziende in termini di sicurezza.
Nel 2011 il 56% delle grandi aziende internazionali aveva aderito al BYOD (negli Stati Uniti il 75%, mentre in Giappone solo il 36%).
In Italia la percentuale delle aziende favorevoli era del 59%: la più alta in Europa dopo l'Olanda. Positivo soprattutto il fatto che il 70% delle imprese italiane aderenti garantisse il supporto ai dipendenti per i dispositivi personali.


Bring Your Own Device

Come affrontare le nuove sfide del BYOD per la sicurezza aziendale?

Gartner suggerisce quattro metodi per garantire la sicurezza aziendale tenendo conto del BYOD:

  • utilizzare un framework avanzato per la gestione dei dispositivi ed effettuare controlli di sicurezza e di rispetto delle policy aziendali. La maggiore criticità di questo approccio è il fatto che non siano ancora diffuse multipiattaforme standard per tutti i dispositivi.
  • Eseguire l'accesso con dispositivi mobili alle applicazioni aziendali tramite certificati criptati. Ciò richiede un notevole lavoro, poichè le procedure sono diverse da prodotto a prodotto.
  • Isolare processi e dati tramite sandbox, ossia in uno spazio separato dal resto del sistema, in modo che non possano attaccare il sistema operativo. Anche in questo caso non mancano le difficoltà: non tutte le applicazioni possono girare in sandbox, senza contare che una sandbox non impedisce agli utenti di salvare dati in aree non protette dentro e fuori dal dispositivo mobile.
  • Utilizzare una macchina virtuale. Questa potrebbe essere la soluzione definitiva, se non fosse che l'attuale generazione di smartphone e tablet non ha sufficiente capacità di elaborazione e autonomia energetica per permettere a due sistemi operativi di girare contemporaneamente.

 BYOD: un'opportunità o un problema?

Secondo un sondaggio condotto tra i CIO di importanti aziende emerge che: 

  • il 77% ritiene il BYOD un rischio, se non adeguatamente gestito;
  • l'86% pensa che l’esperienza dei dipendenti su diversi dispositivi possa giovare all'IT in termini di maturazione;
  • il 64% crede che i progetti di mobilità aziendali non coinvolgano sufficientemente l’IT;
  • la stessa percentuale sostiene che supportare la mobilità degli impiegati sia quasi impossibile a causa della dipendenza da reti esterne che non permettono un adeguato controllo.
BYOD: si o no?

Vantaggi del BYOD
L'utilizzo di dispositivi scelti personalmente può avere un impatto positivo sulla produttività dei dipendenti, soprattutto tra i nativi digitali.
Senza contare i vantaggi legati a uno stile di lavoro virtuale e al guadagno in termini di tempo rispetto alla media di un anno/un anno e mezzo solitamente necessari per implementare nuove tecnologie in azienda.

Svantaggi del BYOD
Senza dubbio l'utilizzo di tecnologie mobili e di dispositivi eterogenei aumenta il rischio di perdita di dati e richiede misure di sicurezza aggiuntive.
Inoltre poichè la responsabilità dell’acquisto del dispositivo è del dipendente stesso, si genera un aumento di lavoro (e un conseguente costo) per i reparti amministrativi che devono gestire e processare i rimborsi spese.

Accogliere il cambiamento, ma con una strategia adeguata

Ormai le reti aziendali seguono gli utenti ovunque essi vadano.
Si tratta di un cambiamento a vantaggio della produttività, ma come ogni cambiamento va gestito nel modo adeguato.
Sviluppare una strategia di MDM (Mobile Device Management) è il primo passo da compiere per accogliere i vantaggi del nuovo approccio BYOD. Essa include:

  • la gestione di dispositivi eterogenei, spesso privi di appositi tool aziendali;
  • una maggiore attenzione alla sicurezza e alla DLP;
  • la gestione dei diritti di accesso alla rete e il rispetto delle policy;
  • una nuova prospettiva per il controllo dei costi;
  • la garanzia del supporto tecnico per i dipendenti.

A tal proposito, leggi l'intervento di Gerald Beaulieu, Product Marketing Director di Kaseya, a un webcast di ieri sulle strategie di business e di vendita del Mobile Device Management, da cui è emerso che il 70% dei Managed Service Provider sia consapevole dell'esigenza dei clienti di sistemi MDM, ma il 20% non abbia soluzioni MDM adeguate a soddisfarne le richieste.
Kaseya stessa ha appena implementato una nuova soluzione MDM per la gestione di smartphone e tablet.

Secondo te, il BYOD è una sfida o un'opportunità per i manager IT?
 

Autore
Gabriele Palumbo
Nasco a Bologna ma ho vissuto l’infanzia in Piemonte, l’adolescenza in Puglia e la maturità tra Umbria, Toscana, Puglia, Emilia-Romagna e Lombardia (e non è ancora finita). Ho avuto quindi modo di entrare in contatto con diversi ambienti e contesti sociali. Una formazione umanistica (Sociologia della devianza a Perugia e Relazioni Internazionali a Pisa), passione per la scrittura e decine di corsi sul mondo digital sono state ottime basi per entrare nel campo del marketing e della comunicazione. Nel 2015 pubblico il romanzo breve “Ci siamo solo persi di vista” e, a inizio 2019, pubblico la biografia della rock band “Ministri”, entrata in poche ore nei Top Sellers di Amazon. Un romanzo è in fase di scrittura. Terminati gli studi entro attivamente nel mondo della musica, organizzando svariati concerti e un festival, e della comunicazione digitale, gestendo la linea editoriale di blog e social e ricoprendo ruoli di copywriter e content editor. Nel 2017 entro nel collettivo Dischirotti. occupandomi dei contenuti web, mentre il 2018 mi vede prima nell’agenzia FLOOR concerti come booking agent per svariati artisti e poi in VOX concerti come direttore di produzione. Tornato a Bologna inizio a collaborare con l’etichetta discografica Manita Dischi come project manager e svolgo un tirocinio presso l’agenzia di marketing e comunicazione digitale Engine Lab, nel ruolo di content editor. Dal 2020 al 2023 ho collaborato, sia come editor che come contributor, con Fantastico.esclamativo, newsletter letteraria e rivista culturale creata da Alberto Guidetti de Lo Stato Sociale. Ogni due sabati invio “Capibara”, una newsletter che tratta di attualità e meme in un progetto che, occasionalmente, porto anche dal vivo sotto forma di Stand-Up. Attualmente ricopro il ruolo di Channel Marketing Manager in Achab, con particolare focus su contenuti editoriali, analytics, marketing automation e CMS.
Commenti (1)
Iscriviti
Notificami
guest
1 Commento
Più vecchio
Più recente Più votato
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Ilaria Colombo
Ilaria Colombo
12 anni fa

Le ultime ricerche confermano che la protezione dei dati non è ancora all’altezza del BYOD: leggete questo interessante articolo.