Email

Cinque cose che forse non sai sui log di MDaemon

27 Ottobre 2014

Una delle caratteristiche commercialmente più appetibili di MDaemon è la sua visibilità estremamente chiara del flusso di messaggi e la produzione di log dettagliati. Per quanto potenti siano, spesso ci accorgiamo che alcune delle funzioni più utili possono restare trascurate: ecco quindi cinque trucchi e consigli che ti suggerisco per usare MDaemon al meglio.
 

1. Log colorati (MD 13.5 e successivi)
 
Una funzione che aiuta a visualizzare i log è la possibilità di colorarli: la puoi attivare o disattivare andando su Setup -> Server Settings -> Logging -> Options:
 



 
Con il colore i log SMTP o POP sono molto più chiari da leggere:
 


 

2. Usa Queues and Statistics Manager per trovare le sessioni SMTP
 
Una delle cose spesso più difficili da fare con i log è ricercare una specifica sessione email. Di solito si hanno poche informazioni al riguardo, come mittente/destinatario oppure oggetto del messaggio, utilizzabili per trovare la relativa sessione mediante una ricerca all'interno dei log. Esiste però un metodo più semplice facendo caricare il log a Queues and Statistics Manager per osservare tutte le sessioni sotto forma di una comoda tabella. In questo modo puoi elencare le sessioni di un giorno specifico ordinate per mittente, destinatario, oggetto o orario per ritrovare facilmente la sessione che cerchi:
 


 
Vuoi vedere l'intera sessione? Fai un doppio click sul messaggio per leggere la trascrizione della sessione che desideri:
 


 
3. Usa le opzioni Log Mode e Maintenance per gestire tipo, dimensioni e numero di log file
 

I parametri di default di una versione 13.5.* ( o successiva) di MDaemon appena installata sono normalmente molto vicini a quelli che raccomandiamo, ma se il tuo ambiente è il risultato di una serie di aggiornamenti compiuti negli anni è probabilmente una buona idea controllare queste opzioni per verificare se MDaemon stia memorizzando e gestendo i vari log sul tuo sistema.
 
Iniziamo dai parametri consigliati per le opzioni Log Mode:
 



Vai quindi su Maintenance:
 


 
E infine su Options:
 


 
Questi sono dei buoni punti di partenza che ovviamente puoi modificare liberamente se hai bisogno di log più dettagliati o se preferisci lavorare in un modo diverso.

4. Usa la funzione di ricerca nella finestra dei log
 
Un altro modo per eseguire rapidamente una ricerca su tutti i log è quello di entrare nella finestra di visualizzazione dei log e premere il tasto destro del mouse per eseguire una ricerca. In questo modo puoi cercare su tutti i log presenti nella relativa cartella di MDaemon e ottenere i risultati in una finestra di Notepad:
 



 

5. Copia i transcript di sessione dalla finestra di ricerca
 
Se ti è mai capitato di chiamare il supporto tecnico per una domanda sulle funzioni di messaging di MDaemon, ti sarà stato chiesto di provare a replicare il problema e inviare un transcript di sessione: questo aiuta a vedere rapidamente cosa è accaduto in una sessione e un modo veloce per trovare questi dati è quello di aprire la finestra di visualizzazione dei log correnti.
 
Per ottenere i dati che servono in modo che possano essere letti direttamente con Windows Explorer puoi evidenziare la parte di testo necessaria nella finestra dei log, fare click col tasto destro del mouse e selezionare ‘Print/Copy'.

In questo modo il testo selezionato viene copiato in una nuova finestra di Notepad:
 



 

 Ed è pronto per essere salvato in un file e inviato al supporto tecnico.

(Tratto dal blog di ZenSoftware)

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.