Cybersecurity

Esclusione di cartelle e whitelist: Webroot fa un balzo in avanti

03 Settembre 2015

Ascoltare i clienti. Prima e importante regola che ogni produttore dovrebbe seguire.
Non tanto ascoltare i clienti quando dicono “comprerò se ci sarà questa funzione…”, ma ascoltare i clienti che hanno già comprato, usano il tuo prodotto o servizio e ti stanno chiedendo semplicemente di renderlo migliore. Questo è quello che ha fatto Webroot.
 
Da quando è stato introdotto in Italia, sono centinaia i clienti che lo hanno già scelto e ne sono entusiasti.
Tuttavia più o meno formalmente tutti chiedevano a gran voce una cosa, che possiamo riassumere in una frase di Massimiliano Fontana
 



 
Webroot ha rilasciato per la versione agent 9.0.1 e successive la tanto attesa funzionalità di esclusione di file e di directory, senza la necessità di usare l’md5 dei file, ma soprattutto introducendo l’esclusione di cartelle e sottocartelle.
La possibilità di settare queste regole sarà sia a livello globale di console GSM, sia a livello di singolo Endpoint sempre pilotando l’esclusione dalla console stessa.
Per i puristi e gli amanti della precisione diciamo che non si tratta di esclusione vera e propria ma di whitelist, ma l’effetto pratico finale e come se si escludesse una cartella.
Per tutti i dettagli e per sapere come funziona ti rimando a un articolo di Knowledge Base che abbiamo scritto appositamente.
 



 

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.