Backup, DR e business continuity

Guida al backup Hyper-V, terza parte: il backup System Protection

15 Ottobre 2013

Nel post precedente abbiamo parlato delle best practice per Hyper-V.

I backup di tipo System Protection sono consigliati per la maggior parte dei server Hyper-V perché possono usare il tool per il restore granulare e i data container.

Backup System Protection per Hyper-V

Destinazione del backup

La destinazione del backup deve essere almeno il doppio, in termini di dimensione, rispetto ai dati di cui eseguire il backup.
Per esempio, se abbiamo 1TB di guest, occorrono almeno 2TB di spazio libero.

La destinazione deve essere in formato NTFS e supportare VSS.

Sui sistemi precedenti a Windows Server 2012 è possibile fare il backup solo fino a un limite di 2TB. Infatti i drive superiori ai 2TB in genere hanno settori di 4KB (4096 byte), non supportati da System Protection.

Come salvare singoli guest

Per salvare singoli file il processo migliore è usare File Protection.
Nel caso in cui si vogliano salvare solo alcune macchine guest usando System Protection, è necessario conoscere le limitazioni e prendere alcuni accorgimenti:

  • è possibile solo su Windows Server 2008 R2 e Windows Server 2012;
  • la destinazione deve essere formattata in NTFS e supportare VSS;
  • è necessario selezionare Copy sotto VSS Backup Mode. Per farlo andare nel Manage Menù, selezionare il job e poi seguire il seguente percorso: Edit / Imaging / Options.

Nel prossimo post parliamo di restore granulare di Hyper-V.

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.

Tieniti aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative