Gestione IT

I tre punti critici del BYOD

05 Agosto 2013

(Tratto da Kaseya Blog)

Ormai quando si parla di gestione dei sistemi IT, si parla anche di BYOD: i rischi, le sfide, il dilemma…
Chi si occupa dell'IT in azienda deve prendere una posizione: consentire o non consentire agli utenti di utilizzare i propri dispositivi personali per lavoro?
Nonostante questa scelta, però, il fenomeno è sempre più diffuso.
Ecco i tre aspetti più critici del BYOD.


BYOD


Gestione dei rischi

Alcune aziende si preoccupano molto che i dati non cadano nelle mani di persone esterne, altre sono meno sensibili al problema. Questa differenza guida il loro approccio al BYOD.
In realtà, il modo di contenere i rischi senza necessariamente rinunciare al BYOD c'è: proteggere i dati aziendali e non permettere ai dispositivi degli utenti di accedere alla VPN o al Wi-Fi aziendali, ma solo tramite il proprio provider.

Gestione dei dispositivi

Le aziende non vogliono assumere la gestione completa dei dispositivi degli utenti, perchè, oltre alla complessità, si tratta di un costo.
Gli utenti a loro volta non vogliono che sia l'azienda a gestire i loro dispositivi.
La soluzione migliore è che l'azienda gestisca l'accesso alla rete aziendale, mentre il dispositivo resti sotto il controllo dell'utente.
Per farlo basta che gli utenti installino un'App, cosa con cui hanno familiarità, piuttosto che andare nelle impostazioni di sistema per configurare la posta elettronica, le impostazioni VPN, l'autenticazione speciale…

Accontentare l'utente

E' raro che agli utenti venga chiesto quali dispositivi preferiscono.
Senza contare il fatto che a nessuno piace andare in giro con due telefoni…
Il BYOD ha in un certo senso riportato l'utente al centro della scena.
L'importante è che tutti i dati aziendali siano contenuti all'interno di un'App completamente criptata e separata dai dati personali.
L'azienda potrebbe decidere di dare un contributo fisso per l'acquisto del dispositivo dell'utente, lasciandogli per il resto la scelta.

E tu, cosa ne pensi del BYOD?
 

 

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.