Cybersecurity

Il ransomware arriva anche su Mac OS X

08 Marzo 2016

Cade l’ultimo tabù.
Anche i Mac possono essere colpiti dal ransomware, il virus che cifra di dati.
Il 4 marzo sono stati infettati i server di Transmission, popolare sistema di scambio file, in modo tale che il software scaricato dal sito fosse infetto.
 

In poche parole chi scaricava la versione 2.90 di Transmission si trovava un virus dormiente che dopo 3 giorni entrava in azione cifrando i dati e rendendo illeggibile il contenuto dei dischi.

Apple ha provato a mitigare il problema revocando il certificato a Transmission 2.90 in modo che chi avesse scaricato il software e non lo avesse ancora installato potesse stare tranquillo.

La versione 2.92 di Transmission è esente da virus ed è in grado di rimuovere il ransomware presente nella versione 2.90
Non è questione di PC o MAC: il ransomware non perdona.
 
Di questa notizia ne ha parlato anche il Corriere.it

Per saperne di più leggi questo articolo (in italiano) o questo (in inglese).

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (1)

Come ripeto da tempo, non è questione di "se" ma "quando".
Dobbiamo lavorare per migliorare la percezione di queste minacce negli utenti.

Andrea Barbon,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.