Gestione IT

IT Assessment: criticità e opportunità

11 Settembre 2018

Chi eroga servizi IT ha la necessità di fare una fotografia imparziale e nitida del campo di lavoro e del sistema del cliente su cui deve andare a lavorare.

E questo è necessario in tutte le fasi del ciclo di vita del cliente anzi prima ancora che diventi cliente.
Infatti il fornitore di servizi IT quando trova un potenziale cliente, come fa a sapere in che situazione si sta andando a cacciare, quante macchine deve gestire, con che sistemi operativi (usciti di produzione chissà quando) deve lavorare, tutto questo lo fa con l’IT assessment.
 



E l’inventariare che già di per sé comporta complessità logistiche e pratiche è solo il primo di tre mattoncini.
Perché poi occorre considerare il costo dalle criticità rilevate e l’ultimo è il “che cosa fare” per superare queste criticità, ma l’IT assessment non serve solo quando si ha a che fare con un nuovo cliente, anzi.
Anche e soprattutto con i clienti consolidati può essere un ottimo strumento per fidelizzare il cliente allo stesso tempo generare nuovi ricavi.

Infatti le reti non sono statiche, ma hanno una “vita propria”:

  • power users che installano software;
  • dispositivi che miracolosamente si affacciano in azienda;
  • utenti e condivisioni di rete utilizzate durante un progetto che restano lì per secoli senza che nessuno si ricordi di “chiudere” ciò che era stato “aperto” alla fine dei progetti.

E tutte queste rappresentano potenziali falle per la sicurezza nonché costi aziendali perché ciò che non è gestito è un costo.

RapidFire Tools nella fattispecie ha approccio da meta-auditing (che parolona!), se vogliamo, per cui ti dice tutto quello che c’è su una rete, ogni singolo dettaglio ma non solo,  ti dice anche quali sono le criticità e come affrontarle.

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.

Tag

IT, PMI, servizi IT

Commenti (2)

Esiste una versione di prova?

massimo verità,

Ciao Massimo, possiamo fare una prova, ti contattiamo off-line.

Claudio Panerai,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.