Cybersecurity

Keylogger: come difendersi dal furto di password?

14 Ottobre 2016

I programmi keylogger, ossia i programmi che intercettano tutto quello che digiti sulla tastiera, sono sempre esistiti.
Ma che si potessero noleggiare dei keylogger professionali per 25 dollari non si era mai sentito. Fino ad oggi: ora infatti è arrivato iSpy.
 

Questo è pane per i denti di pirati, hacker, malintenzionati o come vogliamo chiamarli.

Infatti con soli 25 dollari puoi noleggiare il programma iSpy e fare, ad esempio, una campagna di spam, ossia inviare tonnellate di email e stare quasi certi che qualcuno aprirà i messaggi, seguirà i link inclusi nella email e inconsapevolmente installerà questo programma.

Da questo momento qualsiasi cosa venga digitata sulla tastiera viene registrata.

Questo vuol dire che oltre a catturare schermate e controllare la webcam, questo programma registra tutto quello che scrivi. E indovina un po?

Se accedi all’internet banking…. scoprirà la password!
Se accedi alla casella emailscoprirà la password!
E’ inutile che vada avanti, hai capito dove voglio arrivare.
 
Come difendersi?
Ci sono due possibilità e suggerisco di utilizzarle entrambe.

  1. utilizzare sistemi di autenticazione multifattore,
  2. utilizzare un software di sicurezza come Webroot che impedisce che i programmi registrino quello che tu scrivi, per esempio quando inserisci dei dati in una pagina web.

Se vuoi proteggerti non solo dai virus, ma anche da malintenzionati che installano programmi per rubarti le password mentre le digiti, devi usare Webroot!

 
Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.