Business continuity assicurata e ripartenza immediata in caso di disastro

Come attivare autonomamente Datto SaaS Protection e proteggere in rapidità i servizi Microsoft Office 365 o Google G Suite dei vostri clienti

KB52143

Ultimo aggiornamento: 04 February 2022

Attivare il servizio in autonomia, passando da portale MSP Datto

Tutte

Introduzione e prerequisiti:

Nel presente documento vi proporremo una semplice procedura utile all’attivazione autonoma del servizio Datto SaaS Protection.

Prerequisiti:

– Un account utile all’accesso amministrativo verso Datto Partner Portal (https://auth.datto.com).
– Un account Global Admin per l’accesso al tenant Microsoft Office 365 o Google G Suite che intendete proteggere.

Note operative:
– Per prevenire problematiche associabili agli accessi verso servizi Microsoft (es: SSO attivo per il vostro Tenant Office 365 e non per quello che intendete proteggere) si consiglia di attivare il browser web in modalita “incognito“.
– Nel caso non aveste ancora attivo un vostro Datto Partner Portal i commerciali Achab vi potranno ovviamente essere di aiuto.

Fase 1

Portatevi sul portale Datto attraverso l’uso del seguente link:
https://portal.dattobackup.com/status/saas/backups

All’apertura vi verrà richiesto di inserire i parametri di identificazione associati al vostro Account MSP Datto (i comuni dati di accesso amministrativo al vostro Datto Partner Portal).

Fase 2

Inserite i vostri dati utente Datto e premete su: LOG IN.
A richiesta di codice 2FA procedete attraverso lo strumento configurato per il vostro account (Authy, Microsoft Auth, Google Auth, etc.).

Fase 3

Vi ritroverete in sezione SaaS Protection Status. Premere su pulsante ADD SAAS PROTECTION CLIENT.

 

Fase 4

Si aprirà l’apposita finestra di creazione e configurazione.
Risulteranno presenti differenti punti qui sommariamente descritti:

“Select or create client”
Selezionare un Cliente preesistente o crearne uno nuovo.

“Is this a Not For Resale account?”
Indicare se l’account è o meno di tipologia NFR.

“Region where data is stored”
elezionare la zona di stoccaggio del dato. Per il mercato EMEA occorrerà selezionare la voce Germany (GDPR compliance).

“Select which product will be backed up”
Selezionare tra servizio Microsoft o Google.

“Select commitment term and retention type”
Selezionare il tipo di retention ed il tipo di commitment prescelti.

“Who will manage this SaaS Protection client?”
Selezionare “Partner” se l’account potrà essere manutenuto in modalità MSP (accesso al dato/recovery lato MSP) o “Client Only” se la manutenzione verrà ceduta esclusivamente all’IT Department del cliente finale.

“Do you have global admin credentials for the [Office 365 tenant] [G Suite domain] you are protecting?”
Nel caso si avesse a disposizione un account amministrativo dei servizi da proteggere selezionare “Yes”. In alternativa premere su “No” ed inserire l’email dell’amministratore che dovrà autorizzare il sync (riceverà un apposito messaggio).

“Users Auto-Add” e “Enable User License Cap”
Impostare la modalità di aggiunta automatica di nuovi account e attivare un eventuale CAP limit relativo al massimo numero di licenze utilizzabili.

“Acknowledgment”
Accettazione dei termini di licenza Datto SaaS.

Occorrerà compilare opportunamente il tutto in base a necessità proprie e del cliente per poi premere su pulsante ADD SAAS PROTECTION CLIENT.
Qui sotto una immagine di esempio riferita alla protezione di Microsoft Office 365:

Fase 5

In base al servizio da proteggere si avranno due distinte tipologie di attività da svolgere:

Microsoft Office 365
Inserite l’account ID dell’utenza amministrativa associata al servizio Microsoft e premete su: Next.
Inserite la relativa password e premete su Sign In.
Scorrete la lista di Permission da concedere e premete su: Accept.
Datto SaaS e Microsoft Office 365 sono ora interconnessi.
Premete su CONTINUE.

Google G-Suite
Verrà proposto un Wizard che permetterà la corretta configurazione del portale amministrativo con tanto di installazione di apposito modulo.

NOTA OPERATIVA – Cosa fare in caso di errori in fase di SYNC:
Qualora il portale Microsoft/Google non fosse in quel momento raggiungibile, e/o se il processo di pairing dovesse bloccarsi prima della fase di accettazione, potrebbero comparire a schermo degli errori generici (es: errore 500, errore 404, etc.).
In tal caso occorrerà necessariamente ripetere questa fase del processo.
Per farlo non basterà ricaricare la pagina ma occorrerà accedere al seguente link: http://app.backupify.com/partners/dashboard

Una volta entrati in tale apposita sezione si potrà proseguire ricercando, tra i vari tenant presenti, il nome di quello interessato al blocco in fase di sync.

Una volta localizzato occorrerà premere, su una qualsiasi delle voci presenti (Es: Onedrive, Mail, Contacts, etc.), sul pulsante “THIS PRODUCT IS PARTNER MANAGED”.

La procedura di sincronia riprenderà dall’inizio della Fase 5

Qui di seguito una immagine esplicativa:

Conclusione:

Configurazione terminata.
Il sistema Microsoft Office 365 o Google G-Suite del vostro cliente risulta ora protetto da Datto SaaS Protection!

New call-to-action