Soluzioni tecniche

Lavorare in team e pianificare riunioni: CalDAV

27 Febbraio 2014

Abbiamo parlato di WebDAV e dei suoi utilizzi in un precedente post.

Oggi ci occupiamo di CalDAV, che estende le specifiche di  WebDAV e utilizza il formato iCalendar per la gestione dei dati: un protocollo per gestire date e appuntamenti via web.
Detto così non dice molto…

Proprio grazie a CalDAV però i nostri smartphone si agganciano a Google Calendar

Grazie a questo protocollo possiamo lavorare in team e pianificare le riunioni come se avessimo un’agenda aperta sulla scrivania.
 


Agenda


CalDAV si occupa di gestire le informazioni relative agli eventi, ai task, alle ricerche free-busy, alle note ed è il sottostante WebDAV (da cui deriva) che si fa carico di gestire ACL (Access Control List) e le autorizzazioni per la visualizzazione e la modifica dei dati.

Se non vi ho convinto dell’importanza di questo protocollo, ecco una circostanza in cui CalDAV è utile (forse dovrei dire indispensabile)

In un precedente articolo ho scritto che Google è partita in quarta contro Microsoft e ha tolto il supporto per ActiveSync dai propri server.
Se non c’è più ActiveSync sui server di Google, la posta elettronica si può guardarla con IMAP, ma i calendari e i contatti? Google si è affrettata a rilasciare un’app per risolvere questo problema.

E chi vuole uno smartphone pulito e le applicazioni native del telefono, a cosa può ricorrere?

A CalDAV: Google supporta completamente questo protocollo, e le nostre agende sono sempre allineate con il Google Calendar.
Ho parlato di Google perché è diffuso, ma di certo non è l’unico.
Altri grandi nomi i cui servizi supportano CalDav sono Yahoo, MobileMe e Memotoo, per i citare i grandi player.
Infine anche applicazioni “personalizzate" possono sfruttare CalDAV per inserire nelle agende del personale riunioni e appuntamenti.
Insomma, difficile che oggi si possa fare a meno di CalDAV, anche se magari non tutti ne conoscono il nome.

E tu, conosci CalDAV?

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.