Gestione IT

Le 5 attività IT da fare subito dopo le feste

13 Gennaio 2016

Hai mangiato il panettone? Hai brindato al nuovo anno? Hai fatto i buoni propositi per il 2016?
Bene, allora è tempo di rimettersi al lavoro perché l’IT non si ferma mai.

Queste sono le attività che devi mettere subito in pratica per non ripartire con l’acqua alla gola, in affanno. 

 


 

1)      Installiamo le patch
Le patch di Microsoft continuano a proliferare ed è opportuno che vengano installate, almeno quelle giudicate critiche.
Ma anche Adobe, Flash e Java non stanno a dormire e nuovi rilasci vengono effettuati di continuo.
Gli ultimi rilasci di patch sono di pochi giorni fa… tu hai già aggiornato tutto?
Devi girarti tutte le macchine una per una?
È un lavoro immane che non farai mai? È una possibilità, ma non stai facendo un buon servizio ai tuoi clienti.
Perché non sfruttare le eccezionali capacità di automazione di Datto RMM per continuare a mangiare un po’ di panettone mente Datto RMM si prende cura dei computer?
 
2)      Verifichiamo lo spazio libero su disco.
Durante le vacanza di Natale sicuramente qualcuno sarà andato a sciare o avrà fatto qualche giorno in Marocco o alle Maldive e avrà scattato migliaia di foto e di video… che avrà sicuramente parcheggiato sul notebook.
Un audit aggiornato può aiutarti a visualizzare le macchine con poco spazio libero su disco e un alert ben impostato ti permette di corrrere in tempo prima che si verifichino blocchi di sistema per spazio esaurito.
Anzi, se hai impostato questi alert con Autotask Endpoint Management prima della partenza,  non devi fare nulla. Se ci sono problemi di spazio, sarà infatti il sistema ad avvisarti in autonomia.

3)      Aggiorniamo l’antivirus
Sicuramente non tutti avranno acceso il notebook o lo avranno connesso alla rete aziendale.
Dovrai quindi verificare che tutti i PC e notebook abbiamo le firme dell’antivirus sempre aggiornate.
Un bel lavoraccio. Ma se usi l’antivirus Webroot sei sicuro che appena c’è una connessione internet l’antivirus è già aggiornato, anche senza scaricare le firme.
E siccome vuoi finire ancora una fetta di panettone potresti star comodo sul divano e verificare con una semplice occhiata dentro Datto RMM se qualcuno ha preso qualche virus, visto che Webroot è perfettamente integrato con Datto RMM: da una sola schermata puoi vedere eventuali problemi di tutti i tuoi clienti. 
 
4)      Verifichiamo i backup
Sicuramente qualche cliente ha lavorato da casa con il suo PC, spero tu abbia un backup che sincronizza i file dei portatili.
Qualche cliente molto zelante ha passato qualche giorno in ufficio a lavorare… a lavorare fra una email con babbo natale e un messaggio Skype con le renne!
Quando c’è poca gente in ufficio è più facile divertirsi svagandosi con il PC, è in questi momenti che virus e cryptovirus sono in agguato.
E se venisse infettato il server causando la perdita dei dati, sei pronto a far ripartire l’azienda in 5 minuti?
Se tu non fossi pronto per questo tipo di evenienze potresti valutare Datto la soluzione di disaster recovery & business continuity anch’essa integrata con Autotask Endpoint Management.
 
5)      Disabilitare l’upgrade a Windows 10
Sui PC di alcuni utenti esce ancora l’invito ad aggiornare a Windows 10 (per fortuna non hanno cliccato durante le vacanze di Natale!).
Meglio provvedere a togliere quell’invito continuo:  due click con Autotask Endpoint Management e tutti i PC sono a posto… puoi finire il tuo panettone in tutta tranquillità.
 
Ti stai chiedendo quanto tempo potresti risparmiare con Autotask Endpoint Management?

 


 

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (2)

Achab propone due RMM. Perché scegliere Autotask piuttosto che un Kaseya? Grazie

Luca Rasca,

Ciao Rasca.
Per una trattazione più diffusa delle differenze è necessario sentirsi telefonicamente: ti faccio contattare da un collega.
Per risposta breve posso farti alcune considerazioni.
Un RMM è disponibile solo come piattaforma SaaS in cloud, l’altro è disponibile anche on premise.
Un RMM ha delle integrazioni native con altri prodotti che noi distribuiamo come Datto e Webroot, l’altro ha altre integrazioni con altri prodotti.
I due RMM hanno prezzi e licensing differenti per cui in base alla tue necessità potrebbe essere opportuno andare su un sistema o sull’altro.

Claudio Panerai,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.