Business

Le PMI non fanno il backup in the cloud

30 Settembre 2013

L'offerta di backup in the cloud per le PMI italiane è molto ricca e sta acquisendo sempre più visibilità.
Basti pensare alla onnipresente Nuvola Italiana di Telecom Italia, ma anche all'inziativa 24Ore Cloud de Il Sole 24 Ore.

Qual è la diffusione del backup in the cloud tra le PMI italiane?

Non è facile reperire questo dato, se non in ambiti molto specifici come per esempio il sondaggio di ASP Italia sulle PMI che utilizzano sistemi IBM AS/400, che rivela che il solo il 7% delle PMI utilizzi o intenda adottare il backup in the cloud.

Abbiamo deciso di fare un nostro sondaggio, chiedendo ai nostri rivenditori, società che offrono servizi IT alle PMI: "Quanti dei tuoi clienti fanno il backup in the cloud?".
Ecco i risultati.


PMI e backup in the cloud


La maggioranza ha risposto che nessuno dei propri clienti fa il backup in the cloud (60%).
Il 35% dice che meno di un quarto dei propri clienti lo fa, mentre il 5% tra un quarto e la metà.

Dai commenti lasciati dai partecipanti al sondaggio, emergono due principali motivi della scarsa adozione del backup in the cloud.
Il primo è la carenza di banda in Italia ("Abbiamo un problema di velocità", commenta Paolo), il secondo la "Preoccupazione sulla privacy dei dati", come scrive Massimiliano.
Tra i commenti trapela anche una ancora modesta alfabetizzazione al Cloud: nonostante il gran parlare che se ne fa, non c'è ancora chiarezza sui benefici del backup in the cloud.  

In sintesi, ancora poche PMI in Italia scelgono il backup in the cloud, eppure i vantaggi esistono, come ben spiegato da Rocco Sicilia nel suo post.
Sta agli operatori del settore, quindi a tutti noi, aiutare i clienti a fare chiarezza.

E i tuoi clienti, fanno il backup in the cloud?

Autore
Francesco Doveri

Sono nato a Roma nel 1967 ma naturalizzato milanese, visto che a Milano ci vivo dal 1977.
 
Dopo la Laurea in Ingegneria Elettronica nel 1994 al Politecnico ho fatto per due anni il matematico alla SISSA di Trieste; non avevo abbastanza talento e ho deciso di “andare a lavorare”.  
La mia frequentazione con l’ICT inizia in Unisys nel 1997; da allora ho avuto modo di fare esperienza di marketing e vendite presso un system integrator (Etnoteam), un operatore mobile (H3G), una start-up (Abla), e un vendor di software (Nuance).  Da maggio del 2007 sono direttore marketing di Achab.
 
Ho avuto una grande passione per la canoa fluviale; ho dovuto appendere pagaia al chiodo per sopraggiunti limiti di età.
Adesso mi piace molto andare in barca a vela ma non lo faccio abbastanza, mi piace anche passare il tempo con Sara ma non la vedo abbastanza :-)
 
Sono anche su Linkedin e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.