Backup, DR e business continuity

Ma il disaster recovery è costoso? Sì, forse, no

07 Luglio 2016

Una volta, diciamo 5 anni fa o più indietro nel tempo, le opzioni di disaster recovery per le PMI erano un miraggio. Quelle presenti sul mercato erano estremamente costose.
Ma negli ultimi anni lo scenario è cambiato parecchio e si sono affacciate soluzioni innovative. E questo è un aspetto tecnologico.
Negli stessi anni la crescente diffusione di virus di tipo ransomware (vedi CryptoLocker), che sono in grado di affossare le aziende in un batter d’occhio, ha fatto in modo che il disaster recovery divenisse un argomento di discussione quotidiano con i clienti.

Ma cos'è il disaster recovery?
Partiamo dalla definizione di Wikipedia. Per disaster recovery (brevemente DR, in italiano: Recupero dal Disastro), in informatica e in particolare nell'ambito della sicurezza informatica, si intende l'insieme delle misure tecnologiche e logistico/organizzative atte a ripristinare sistemi, dati e infrastrutture necessarie all'erogazione di servizi di business per imprese, associazioni o enti, a fronte di gravi emergenze che ne possono intaccare la regolare attività.
 
 



Se si guarda come si poteva ottenere il disaster recovery anche solo qualche anno fa… era necessario duplicare tutto il proprio hardware, implementare sistemi di replica dai server di produzione a quelli di stand by… insomma erano cose impegnative.

Negli ultimi anni, però, sul mercato IT si sono affacciate soluzioni di DRaas (Disaster Recovery as a service).
Con i servizi di disaster recovery, le aziende non devono più accollarsi l’onere di ingenti investimenti e non devono più mettere a cespite apparecchiature che magari verranno usate pochissimo o addirittura mai.
Con il DRaas le aziende sono chiamate a investire semplicemente un canone mensile per “assicurarsi” che in caso di problemi davvero la propria azienda possa ripartire.

Il DR è caro?
Certo, soluzioni come Zerto o TSM di IBM costano un occhio della testa ma sono fantastiche e la maggior parte delle aziende che le implementano se lo possono permettere.

Ma come fare DR con costi sostenibili anche alle PMI?

Una soluzione presente da anni sul mercato è Datto. Si tratta di appliance che replicano i server “critici” all’interno dell’appliance stessa e, in caso di necessità, permettono di recuperare file e cartelle ma, soprattutto, permettono di riaccendere i server “critici” da dentro l’appliance stessa tanto che le aziende possono continuare a portare avanti il proprio business.
In questo modo una copia dei server "critici" è sempre disponibile e pronta a partire all’interno delle appliance Datto.

Ma se il disastro è davvero grave e la sede non è più accessibile, per esempio a causa di un incendio?

Bene, le appliance Datto sono in grado di replicare il proprio contenuto e le proprie capacità all’interno del cloud nei data center di Datto.
Non serve quindi dotarsi di strutture proprie per replicare sistemi offsite e per ottenere ripartenze remote: basta attivare la replica di Datto così tutti i dati, servizi e applicazioni saranno automaticamente ripristinabili direttamente dal cloud, se dovesse essere necessario.
 

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.

Tieniti aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative