Email

MDaemon 13.6: una grande novità

17 Ottobre 2013

E’ arrivato MDaemon 13.6, fresco fresco di rilascio.
Benché sia una release minore (siamo passati dalla versione 13.5 alla 13.6), c’è una novità davvero importante e alcuni cambiamenti di indubbia utilità.



 

Supporto per le cartelle pubbliche via ActiveSync

I dispositivi ActiveSync (Outlook 2013 in testa) potranno accedere non solo a email, contatti, calendari, attività e note, ma anche alle cartelle pubbliche di contatti e calendari in maniera nativa, senza installare plugin sui client.
Quindi le rubriche e i calendari aziendali da oggi sono una realtà in MDaemon, senza dover installare Outlook Connector.
E’ possibile assegnare diritti di accesso diversi alle cartelle pubbliche, e l’accesso a queste cartelle può essere fatto a diversi livelli:

  • server;
  • dominio;
  • singolo utente.

Per completezza di informazione, segnaliamo che non tutte le implementazioni client di ActiveSync supportano tutte le funzioni di MDaemon.

Per chi utilizza WorldClient: l’aggiunta di un messaggio di avviso se si tenta di inviare un'email con subject vuoto

Questo ha una doppia valenza:

  • da un lato migliora la comunicazione via email, perché se scriviamo un subject, il ricevente sa già l’argomento di cui vogliamo parlare;
  • dall'altro diminuisce, seppur in piccola parte, la probabilità che il nostro messaggio sia considerato spam in quanto privo di oggetto, e quindi potenzialmente sospetto.

Per gli amministratori di MDaemon, ci sono poi alcune funzionalità degne di nota

  1. Nell’interfaccia utente tradizionale di MDaemon, è stato inserito un nuovo tab che mostra le sessioni ActiveSync attive in un determinato momento sul server. L’inserimento di questo nuovo pannello di controllo è indicativo del ruolo sempre più centrale che ActiveSync sta assumendo all’interno di MDaemon: ignorarlo non sarebbe lungimirante. Inoltre è importante, perché le sessioni ActiveSync non figurano nel pannello "All sessions" di MDaemon.
  2. I miglioramenti sono anche in termini di sicurezza: per la generazione di nuovi certificati SSL è stata aumentata la lunghezza della chiave di default.
  3. Per coloro che hanno in carico la gestione dei dispositivi mobili e si stanno confrontando con il BYOD, è stata introdotta la nuova funzione Soft Wipe, molto utile e disponibile sia nell’interfaccia classica di MDaemon che attraverso la WebAdmin. Esisteva già una funzione di Wipe in MDaemon, ma riportava il dispositivo alle impostazioni iniziali di fabbrica. Il Soft Wipe invece permette di cancellare solo i dati legati all’account ActiveSync, senza riportarlo alle impostazioni iniziali.
  4. L’interfaccia di amministrazione via web, la WebAdmin, ora supporta i log colorati (inseriti nella GUI di MDaemon 13.5), il che semplifica molto il lavoro di spulciare i log alla ricerca di errori o informazioni specifiche.
  5. Ultima nota degna di menzione per l’interfaccia di WebAdmin è l’introduzione di alcuni report sull’uso della banda in ingresso/uscita, con informazioni numeriche per esempio su quali utenti sono maggiormente vittime di spam o sui virus che sono stati bloccati.

 

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (3)

Ah ok grazie. Allora continuerò a proporre il robusto Public Folder.

Luca Rasca,

Quindi, se ho capito bene, ora, in presenza di un MDaemon 13.6, posso fare a meno di dovere installare Public Folder o Outlook Connector per condividere calendari, tasks, rubriche, etc, tra gli Outlook?

Luca Rasca,

Non è corretto quanto dici Luca.
Con MDaemon 13.6 è possibile avere le cartelle pubblica in maniera nativa, ma non ancora la condivisione dei calendari/contatti/task degli utenti di Outllook; per questo servono ancora i prodotti che hai citato tu.
Inoltre ti segnalo che Outlook 2013 in ActiveSync non supporta i contatti pubblici (e non è un problema di MDaemon ma proprio un limite di Outlook)

Claudio Panerai,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.