Email

MDaemon e Outlook 2013: quello che si può fare con IMAP, Outlook Connector, ActiveSync

26 Luglio 2013

Con il rilascio di Outlook 2013 è possibile accedere ai propri dati di MDaemon in diversi modi.
La scelta del modo in cui accedere a MDaemon dipende dalle funzionalità che servono:

  • se servono solo le email personali e le cartelle pubbliche di posta elettronica, allora è IMAP il protocollo da scegliere;
  • se invece si devono condividere contatti e calendari con i colleghi, è Outlook Connector la scelta giusta;
  • infine ActiveSync permette di accedere a email, rubrica, attività e calendari personali ma non condivisi.

Di seguito un riepilogo delle possibilità

IMAP
Viene utilizzato per accedere alle email residenti nella propria mailbox o in cartelle condivise o pubbliche. Utilizzando IMAP, i messaggi e il relativo stato vengono memorizzati sul server consentendo quindi a ciasuno di accedere alla propria mailbox da più computer o dispositivi.

Outlook Connector for MDaemon
Espande le funzionalità fornite da IMAP e permette di accedere sia ai dati personali memorizzati nella rubrica (contatti e attività), sia ai dati contivisi o residenti in cartelle pubbliche. Chi utilizza Outlook Connector può condividere i propri dati con i colleghi.

ActiveSync
Chi usa Outlook 2013 o Windows 8 Mail, può collegarsi a MDaemon usando il protocollo ActiveSync. Con questo protocollo è possibile accedere ai propri dati di tipo email, contatti, calendario e attvitià, mentre i dati che risiedono in cartelle pubbliche o condivise non sono accessibili.

Lo schema seguente mostra un riepilogo delle possibilità

Caratteristiche IMAP Outlook Connector ActiveSync
Email solo personale
Contatti   solo personale
Calendario   solo personale
Attività   solo personale
(non disponibile in Windows 8 Mail)
Note    
Cartelle pubbliche solo email  
Cartelle condivise solo email  

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.