Backup, DR e business continuity

Niente è per sempre

03 Novembre 2015

Cercare, selezionare e investire in soluzioni di backup & restore non è una cosa facile. Prende tempo, richiede un’attenta considerazione e necessita un esborso di denaro. Quindi, è facile dire che non è un processo attraverso il quale vorresti dover passare più frequentemente di quanto non sia assolutamente necessario. Beh, ecco perché è così importante tenere a mente quando perfezionare la nostra strategia di protezione dati per il futuro. L’ultima cosa che vorresti è dover rifare tutto nel giro di un anno! In questo articolo, daremo un’occhiata a ciò  a cui devi pensare quando cerchi la prossima soluzione di backup e restore.

La tua soluzione di backup & restore si adatterà?
Pensi che tra un anno i tuoi affari saranno nella stessa posizione in cui si trovano ora? E tra cinque anni? La tua risposta è no, naturalmente, perché se fosse si, sarebbe un fallimento. Lo scopo di tutti i business è ottenere una crescita costante e sostenibile. Questo significa che anche le tue infrastrutture IT, i tuoi sistemi e i tuoi dati cresceranno. Quindi cosa succede se hai investito in una soluzione di backup & restore che è perfetta per la situazione attuale, ma non riesce a stare al passo con l’espansione? Potenzialmente, potresti finire con l’essere vulnerabile.
Il tuo business quasi certamente è già proiettato per la crescita in altri campi: entrate, staff, costi di gestione. Il passo successivo, e sfortunatamente quello che tante aziende non riescono a fare, è applicare tutto ciò al settore IT. Come risultato della crescita delle altre aree, quanto cresceranno a loro volta i dati? Quanti nuovi sistemi saranno necessari? Che tipo di nuove infrastrutture saranno di conseguenza necessarie? E infine, come opera la strategia di backup&restore per proteggere tutti i tuoi dati?

Se la strategia di backup, disaster e recovery (BDR) in cui hai investito non riesce a stare al passo o se ci riesce ed arriva ad un punto in cui non è più sostenibile dal punto di vista economico, allora sei nei guai.
Inoltre, val la pena considerare che potrebbe essere vero l’opposto. Prevedere una strategia BDR non significa buttare via tanti soldi in qualcosa di cui adesso non hai  bisogno, anticipando una crescita futura che potrebbe non verificarsi.
Piuttosto, significa assicurarsi che la soluzione di backup sia efficace per le necessità attuali, ma abbia anche il potenziale per continuare a soddisfare crescenti necessità future.

Quanto ti costerà?
Il tuo budget è la considerazione successiva a quanto detto prima. Se la tua  strategia di backup e restore fosse in grado di adattarsi, sarebbe fantastico. Ma quanto ti costerebbe?
Molti venditori di backup e restore potrebbero richiedere compensi incredibili a seconda di quanto è grande il giro d’affari dell’azienda e di quanto potrebbe crescere. Questo è molto  probabile quando il venditore offre versioni gratuite per piccoli ambienti, ma poi applica un prezzo maggiore per tutti i livelli successivi. Quando decidi un budget per la strategia BDR, è importante tenere conto non solo di quanto sta costando quella soluzione in questo momento, ma quale sarà il costo potenziale nel caso in cui il business cresca.
Anche in questo caso c’è il rovescio della medaglia: è giustificato un alto costo per una soluzione di cui non hai bisogno adesso, ma potresti averne bisogno nel futuro?




Vale la pena considerare anche la licenza, in particolare per quanto riguarda gli ambienti virtuali. Sei usi Hyper-V, per esempio, quanto ti sarà addebitato per la tua soluzione? Sarà un costo a guest? Per GB o per dati? Per presa di corrente? Queste sono tecniche di licenza abbastanza comuni e possono diventare tutte velocemente molto care man mano che gli affari crescono. D’altra parte, una soluzione di licenze per macchina host, con guest e dimensioni di dati illimitati, potrebbe essere potenzialmente molto più affidabile.

Supporterà le nuove tecnologie?
La tecnologia continua ad avanzare. Se non te ne sei accorto finora, non hai fatto attenzione a questo secolo. Ora, provare a predire quali saranno i cambiamenti della tecnologia è inutile, perché chi ci prova, in genere, non fa altro che sbagliare. Quello che possiamo fare, comunque, è cercare indietro del tempo ed esaminare come le soluzioni di backup&restore nel passato si sono sposate con le nuove tecnologie. Se nel passato sono state sempre in una posizione arretrata, è probabile che lo saranno anche nel futuro. Questo può essere molto vero  con le soluzioni freeware e open source, che spesso non godono di sviluppatori a tempo pieno e che quindi non riescono a tenersi al passo con i cambiamenti tecnologici. Comunque non ne sono immuni neanche le grandi marche.

Un esempio perfetto è quello della virtualizzazione. I guest dei server virtualizzati come Hyper-V hanno rimpiazzato gli ambienti fisici in molti posti di lavoro per anni. Ed è qualcosa che molte delle più grandi soluzioni dibackup & restore, che si sono stabilizzate per anni anche decenni nello spazio server fisico, hanno freneticamente cercato di agganciare. Molti stanno continuando a perdere quote di mercato a favore di altri venditori che supportano gli ambienti virtualizzati in maniera più estesa. Se queste soluzioni non riescono a stare al passo con un cambiamento così massiccio come la virtualizzazione, come faranno a gestire i prossimi grandi cambiamenti della tecnologia?
Ma anche qualcosa di più semplice come le nuove versioni dei sistemi operativi come Windows server sono indicatori importanti di quanto sia buona la tua soluzione BDR e in grado di tenersi al passo con le nuove tecnologie. Quanto tempo ci è voluto per supportare la versione più recente del tuo sistema operativo dal suo ultimo rilascio? È probabile che la prossima volta faranno meglio di così?

Come fa BackupAssist ad essere sempre aggiornato?
BackupAssist è la soluzione di backup & restore a più alto adattamento: ecco in tre punti perché:

  1. La licenza modulare di BackupAssist è l’ideale per un adattamento futuro. Piuttosto che investire una cifra cospicua per caratteristiche di cui non hai bisogno, puoi comprare solo la licenza base con un costo minore. Poi, quanto la tua azienda crescerà in futuro, dovrai solamente acquistare add-on per aggiungere le funzioni di cui hai necessità. BackupAssist è particolarmente adattabile agli ambienti Hyper-V, visto che il software è licenziato per host. Significa che puoi continuare ad aggiungere guest senza aver bisogno di comprare altre licenze, o puoi aggiungere host senza aver bisogno di pagare per i nuovi guest.
  2. BackupAssist è una delle soluzioni di terze parti economicamente più vantaggiose. Adattarsi non sarà solo facile, sarà assolutamente conveniente.
  3. BackupAssist sarà al passo con gli aggiornamenti tecnologici, grazie al team dedicato di sviluppatori che assicurano il supporto completo per qualsiasi tipo di tecnologia in possesso dei clienti. Un esempio è stata l’introduzione di Windows server 2012 E 2012 R2 e BackupAssist è stata una delle prime soluzioni di backup & restore al mondo a supportare completamente l’aggiornamento.

(Tratto dal blog di BackupAssist)

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.

Tieniti aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative