Backup, DR e business continuity

Quanto ci vuole a ripartire dopo un “disastro”?

15 Giugno 2016

Questa è la domanda: quanto sono frequenti le interruzioni del tuo business?
Per interruzioni del business intendo dei problemi che impediscono alla tua azienda di lavorare: non importa in che settore sei, sicuramente hai a che fare con dei sistemi informatici. Giusto?
E se quei sistemi informatici non sono più disponibili per qualsiasi motivo, che succede?
Per quanto riguarda i siti web esiste un servizio che ti permette di verificare se un sito è in linea o meno e per quanto è rimasto fuori linea.
Come vedrai tu stesso, la maggior parte dei siti famosi è online, ma è successo recentemente che il sito di staples.com (si, quello che vende online) sia stato irraggiungibile per diverse ore… immagina il danno di non poter vendere per ore!

“Io non ho un ecommerce, che me ne importa?”

Se è questo il tuo pensiero, ti giro la domanda: cosa succede se il tuo gestionale (o il software che usi quotidianamente) è indisponibile per diverse ore?
Cosa succede se nessuno può più accedere al software che fa lavorare l’azienda?
In altri termini, a fronte di un problema, quanto ci metti a ripartire, e quindi quanto ti costa stare fermo?
E per quanta prevenzione si faccia e per quante best practice si mettano in pista per alcuni problemi (come gli errori umani) non puoi prevenirli, puoi solo mitigare (a posteriori) i loro effetti.
 


 

Con i sistemi di business continuity di Datto puoi limitare i downtime a 6 secondi, come riportato dall’autorevole Techrepublic.
Perché tutta questa attenzione alla velocità di ripartenza? Perché se tu hai un problema informatico, è altamente probabile che i tuoi clienti ne risentano, direttamente o indirettamente. Infatti secondo una survey condotta da TheFartford, il 36% di chi subisce un “disastro” finisce col riversare addosso ai clienti le conseguenze, semplicemente perché non si è più in grado di far fronte agli impegni presi o non si è più in grado di soddisfare le richieste dei client.
 
Ma quanto ci mettono in media le aziende a ripartire?
Secondo un survey di Kroll Ontrack il 25% degli intervistati ci mette meno di due ore, il 21% mezza giornata, il 19% una giornata, il 16% non ha idea del tempo richiesto, l’8% dice 2/3 giorni, il 5% dice di non saper ripartire, e il 6% dice di metterci 4 o più giorni
 
La sintesi del report?
La sintesi di questi numeri è che il 75% degli intervistati non è in grado di ripartire velocemente..
 
Se tu e i tuoi clienti appartenete al 25% che è in grado di ripartire velocemente sono ben contento, ma se invece appartenete al 75% che è in difficoltà sulla ripartenza… non è meglio pensarci per tempo?
 

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.

Tieniti aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative