Mailserver e archiviazione

Rendi disponibile l’archivio email ai tuoi clienti che lavorano in smart working

05 Agosto 2020

La pandemia globale scoppiata all’inizio del 2020 ha innestato una serie di cambiamenti che perdureranno sicuramente negli anni a venire.

Il mondo del lavoro, in particolar modo, ha subìto ancora di più l’influsso di un trend che era già parzialmente in corso per alcune realtà aziendali: lo smart working.

Non poche aziende e lavoratori di tutto il mondo si sono trovati in difficoltà perché naturalmente non si è avuto il tempo necessario per poter predisporre tutti gli strumenti necessari allo svolgimento del lavoro da remoto. Qui puoi scaricare un eBook gratuito sul tema smart working

Per essere produttivo come fosse in ufficio chiunque ha bisogno dell’accesso completo alle risorse usate in azienda: strumenti di comunicazione, telefonia, applicazioni, gestionali e, soprattutto, la posta elettronica.

Esiste una soluzione dedicata alla gestione e all’archiviazione della posta elettronica (on-premise o in cloud) semplice, sicura e automatica in grado di risolvere parecchi problemi nel caso in cui i tuoi clienti avessero bisogno di far lavorare i propri dipendenti da casa.

Sto parlando di MailStore, mai sentito?

Vediamo insieme cosa è capace di fare.

Accedere all’archivio email comodamente da casa propria

MailStore Server è un software progettato per funzionare all’interno di una rete e per questo sono necessarie alcune piccole operazioni per renderlo disponibile anche all’esterno della rete aziendale.

Normalmente all’interno della rete aziendale il software è già disponibile e liberamente accessibile dai PC ma quando arrivano richieste da postazioni remote, che non corrispondono a sessioni interne già in corso e non sono state preventivamente consentite, queste vengono respinte.

Qui è necessario che venga attuato un processo di “mascheramento” tale per cui il router o gateway Internet trasferisce all’”esterno” le richieste che arrivano dai PC, inoltrando poi le risposte a queste richieste agli stessi PC che le hanno eseguite come se fosse il gateway stesso a generare le richieste.

Vediamo quali sono le due modalità attraverso le quali è possibile rendere accessibile un servizio tipicamente on-premise anche dall’esterno dell’azienda.

Virtual Private Network (VPN)

In questo caso il PC esterno utilizza un client VPN che si connette al server VPN della rete aziendale.

Se la connessione risponde positivamente a parametri preimpostati viene creato una sorta di “tunnel”, un collegamento appunto, crittografato. Un po’ come fosse un cavo di rete ma virtuale che consente all’endpoint esterno di connettersi alla rete aziendale.

In questo modo MailStore dà l’opportunità di accedere alla posta elettronica attraverso varie opzioni:

  • installando MailStore Client sui PC esterni;
  • scaricando un componente aggiuntivo per accedere al proprio archivio email direttamente da Outlook;
  • da qualsiasi server client integrato IMAP;
  • WebAccess via browser e mobile.

Port Forwarding

Come alternativa alla VPN è possibile rendere accessibile la posta elettronica attraverso il processo di port forwarding con il quale si fa in modo che il server su cui è installato MailStore sia in grado di ricevere e rispondere alle richieste che arrivano da internet su una o più porte configurate sul router o sul gateway.

In questo caso quindi il PC esterno accede direttamente alle email senza software aggiuntivo.

Per garantire massima sicurezza, MailStore comunica esclusivamente tramite connessioni crittografate SSL, il che significa che tutte le comunicazioni interne ed esterne sono preservate.

In sintesi

Qualunque sia la strada che scegli di percorrere, raggiungerai l’obiettivo di consentire ai tuoi clienti di poter accedere da casa al loro strumento di lavoro principale in modo semplice e sicuro.

Se vuoi scoprire di più sulla soluzione, ti consiglio di dare un’occhiata qui.

Durante un webinar abbiamo spiegato nel dettaglio come funziona MailStore e tutto ciò che c’è da sapere per ottimizzarne l’utilizzo.

Se vuoi conoscere altri consigli su come agevolare il lavoro remoto dei tuoi clienti, scarica gratuitamente questo eBook!

Tratto dal blog di MailStore

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.