Backup, DR e business continuity

Risparmiare tempo con il restore granulare

16 Maggio 2017

Gli utenti (e i clienti) perdono qualsiasi cosa.
Email, password, documenti. Sicuro come il sole che sorge ogni mattina: se gli utenti posseggono qualcosa, la perderanno… e chiederanno a te di recuperarla.
 
E quando dovrai iniziare le procedure per recuperare i dati che (loro) hanno perso, sicuramente lo vorrai fare senza intoppi e perdendo meno tempo possibile.
Come?

Il restore granulare (ossia il recupero a livello di file o anche unità di dati più piccole) ti permette di recuperare dati, file e informazioni in maniera precisa, puntuale e in pochi click.

A seconda del tipo di dati persi e a seconda del tipo di applicazione, il restore granulare può essere leggermente diverso, ma in ogni caso ti farà risparmiare del gran tempo. Vediamo nel dettaglio.
 

Restore granulare per Exchange

I dati di Exchange sono fra le cose che è più semplice perdere o cancellare per errore.
Le email vengono cancellate (per errore o di proposito), i calendari e i contatti vengono smarriti con sorprendete facilità e anche gli allegati delle email spesso vanno recuperati perché chissà dove si sono cacciati.
Il restore granulare per Exchange ti permette di recuperare solo i dati che ti servono in pochi click, senza dover ripristinare l’intero database che potrebbe richiedere molto tempo e terrebbe ferma l’azienda.
Non solo il restore granulare per Exchange ti permette di ripristinare singole email in un lampo, ma puoi rimetterle direttamente all’interno della mailbox originale: agli occhi del cliente sarai un mago!
 
Mai successo che un utente cancellasse un'email per poi rendersi conte che gli serviva?
Oppure che un maldestro cliente dal suo magnifico iPhone cancellasse un contatto o un appuntamento?
Ecco, in tutte queste circostanze l’Exchange Granular Add-on di BackupAssist ti permette di recuperare i dati in un lampo, senza nemmeno fermare il server Exchange.

Ripristino granulare per Hyper-V

Mai successo che un guest Hyper-V si schiantasse? Ripristinarlo è semplice e veloce con il Rapid Recovery (ti suggerisco un articolo in proposito su questo stesso blog): con pochi click del mouse puoi far ripartire un intero server…
Ma se invece ti servono solo dei file o una sola cartella di quella macchina?
Con Hyper-V advanced add-on di BackupAssist puoi esplorare il file system della macchina virtuale e ripristinare solo i file che ti interessano.

Mai successo che un collaboratore maldestro accedesse al file server (su macchina virtuale), cancellasse dei file per errore e poi il capo, in sclero totale, ti chiedesse di recuperarli da un backup?
Bene, invece che riportare in vita l'intera macchina virtuale puoi ridare al capo i suoi file esattamente com'erano all’ultimo backup. In un lampo.

Ripristino granulare per SQL server

Anche per SQL server ha senso parlare di granular restore.
Normalmente infatti si pensa che il database sia un oggetto "intero", o tutto o niente. Invece è fatto di tabelle, oggetti, righe e colonne. E soprattutto un database vive di transazioni.
Se si perdono o guastano solo dei pezzi, perché rimettere in pista l’intero database con il rischio di sovrascrivere tutti dati?

BackupAssist è in grado di fare un backup quasi continuo (ogni 5 minuti) di SQL server.
Ecco che, con l’aiuto dei log delle transazioni, si possono fare dei restore granulari o point-in-time, ossia si può riportare il database a un "momento" ben preciso, questo grazie al SQL Continuous add-on di BackupAssist.
 
Quando ti può servire? Te lo spiego subito.
Mai visto un tecnico del gestionale fare operazioni a cuore aperto su SQL server?
Ecco se facesse un errore (quanti ne ho visti io!) grazie al granular restore sarebbe possibile tornare al database con i dati come erano 5, 10 o 15 minuti fa! Non male vero?
 
Un professionista dell’IT per riportare in vita velocemente i dati dei clienti deve necessariamente avere gli strumenti di ripristino granulare, perché i clienti si aspettano che tu recuperi i dati in un click.
 
Metti alla prova le funzionalità di BackupAssist e dell'add-on SQL Continuous.

Prova BackupAssist
  Tratto dal blog di BackupAssist
 

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.

Tieniti aggiornato

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative