Soluzioni tecniche

Windows: il profilo temporaneo toglie i diritti amministrativi?

09 Dicembre 2014
Oggi mi sono collegato a un server per installare un'applicazione, una semplice utility per misurare quanto spazio potrei risparmiare usando un sistema di compressione dei dati "live".

Concentriamoci però su quello che è successo quando mi sono collegato al server
 
Mi sono collegato al server come ho fatto altre mille volte, ho scaricato il programma e lanciato il setup.
A un certo punto però, il setup del software si è interrotto e mi ha dato un errore che mi ha lasciato basito: "Il profilo utente è un profilo temporaneo".
 

 
Per la verità non ci ho fatto nemmeno tanto caso, mi sono scollegato dal server e ho riprovato.
Mi sono collegato con credenziali amministrative (l’avevo fatto anche prima, ma ora l'ho fatto con particolare attenzione), ho lanciato di nuovo il setup del programma e ottenuto lo stesso errore.

Insospettito, ho lanciato una finestra DOS per sapere esattamente con quale utenza ero loggato.
Con mia somma sorpresa ho visto che stavo usando un’utenza temporanea.
 

 
"Come è possibile, se sto usando un’utenza amministrativa?".
Ho indagato e ho trovato il responsabile. E per fortuna anche la soluzione!

In sintesi: invece del mio profilo come amministratore, veniva caricato un profilo temporaneo.



Ecco la procedura per ripristinare un profilo quando per motivi misteriosi il sistema fa entrare con un profilo temporaneo

  1. Accedere al sistema utilizzando un account utente amministrativo diverso dall'account utente con il quale si è verificato il problema.
  2. Fare clic su Start, digitare regedit e premere Invio.
  3. Individuare la seguente sottochiave del Registro di sistema: 
    HKEY_LOCAL_MACHINESOFTWAREMicrosoftWindows NTCurrentVersionProfileList.
  4. Nella sottochiave ProfileList, eliminare la sottochiave denominata SIDbak.
  5. Uscire dall'editor del Registro di sistema.
  6. Effettuare la disconnessione del sistema.
  7. Riconnettersi al sistema.
Risolto! Adesso è possibile loggarsi con le proprie credenziali amministrative originali.
Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.