Business

Windows XP e Windows 2003, più vivi che mai

06 Ottobre 2015

Windows XP è "morto" più di un anno fa e Windows 2003 è "morto" a luglio di quest’anno.
Questo è ciò che ha detto Microsoft: niente più supporto e aggiornamenti per questi due sistemi operativi.
La speranza di Microsoft era quella di far migrare quanti più desktop e server possibili verso le nuove piattaforme, più sicure e più moderne.

Alcune ricerche di mercato, però, dipingono scenari differenti, sostenuti dai numeri.
Secondo Net Applications, per esempio, nel primo trimestre di quest’anno si poteva dire che il 90% dei sistemi operativi desktop gira(va) su piattaforma Microsoft (e questo potrebbe non essere un numero nuovo), ma che di tutti i PC desktop quasi il 17% montava ancora Windows XP, chi lo poteva dire?
 



 
Se Windows XP è ancora molto diffuso, non si pensi che lato server le cose siamo molto diverse.
Windows 2003 Server infatti permette ancora a 175 milioni di siti web di girare indisturbati.
Un’indagine di Netcraft rivela che nel 2011 Windows 2003 era all’apice del suo successo, quando oltre un milione di host reggeva siti web, mentre ora la popolarità sta scemando.
 


 
Ma oltre 500.000 host stanno ancora usando Windows 2003 per far girare 175 milioni di siti web e oltre il 70% di questi siti si appoggia su Internet Information Server 6, ormai completamente riscritto a partire dalla versione 7.
 
Perché riporto questi numeri? Per stimolare qualche riflessione.
Mentre ti invio a leggere gli articoli originali delle ricerche, provo a fare qualche considerazione:

  • se hai ancora macchine che girano su Windows XP o Windows 2003… non sei l’unico!
  • Se si tratta di macchine non esposte su internet, forse ancora un po’ puoi resistere.
  • Se le macchine sono esposte su internet devi prevedere un piano di migrazione quanto prima, perché prima o poi ti verranno “attaccate”.
  • Se non hai ancora migrato per questioni di compatibilità di alcuni software o vecchie periferiche, valuta altri prodotti che possano fare il loro lavoro, ma in sistemi operativi più moderni.
  • Se non hai potuto migrare per questioni di budget, prova a fare un piano per disfarti del “vecchiume”; potresti trovare delle buone offerte di prodotti che escono di produzione ma che hanno software aggiornato o potresti trovare del buon hardware da aziende in fallimento e che quindi svendono il proprio materiale.
  • Alcune utility, specie quelle piccole a riga di comando che salvano noi tecnici nei momenti critici, stanno iniziando a non funzionare su Windows XP.

 
L’unica cosa che non puoi fare è "fare finta di nulla".

Prima o poi, anche se XP e Windows 2003 sono ancora vivi, questi sistemi sono destinati a scomparire davvero e trovare assistenza, anche a pagamento, sarà sempre più difficile.

Autore
Claudio Panerai
Gli ultimi prodotti che vi ho portato, nel 2020: Vade Secure Il primo sistema antispam/antihishing/antimalware basato sull'intelligenza artificiale e appositamente progettato per Office 365. Naturalmente a misura di MSP. ID Agent Piaffaforma che consente agli MSP di monitorare le credenziali (proprie e dei clienti) che sono in vendita nel dark web.
Nato a Ivrea nel 1969, è sposato e padre di due figlie. Laureato in Scienze dell’Informazione nel 1993, ha dapprima svolto numerose consulenze e corsi di formazione per varie società per poi diventare responsabile IT per la filiale italiana del più grande editore mondiale di informatica, IDG Communications. Dal 2004 lavora in Achab dapprima come Responsabile del Supporto Tecnico per poi assumere dal 2008 la carica di Direttore Tecnico. Giornalista iscritto all’albo dei pubblicisti, dal 1992 pubblica regolarmente articoli su riviste di informatica e siti web di primo piano. E' stimato da colleghi e clienti per la schiettezza e onestà intellettuale. Passioni: viaggi, lettura, cinema, Formula 1, sviluppo personale, investimenti immobiliari, forex trading. Claudio è anche su LinkedIn e Facebook.
Commenti (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato, lo utilizzeremo solamente per inviarti la notifica della pubblicazione del tuo commento. Ti informiamo che tutti i commenti sono soggetti a moderazione da parte del nostro staff.